Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Mostraci i tuoi cactus

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 28/01/2014, 12:15

Chiedo scusa se torno un po indietro, mi sembra interessante mostrare M. schiedeana ssp. schiedeana (una piccola pianta acquistata ieri) da un'ottica difficilmente visibile.
Le grosse radici napiformi di M. schiedeana
003Mammillaria_schiedeana_©M.S.2014 (Large).JPG
004Mammillaria_schiedeana_©M.S.2014 (Large).JPG
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 28/01/2014, 19:45

Ricorro ancora alle foto di viaggio di Grzegorz F. Matuszewski per mostrare Mammillaria schiedeana ssp. dumetorum in cattività....

schiedeana ssp dumetorum_PozoDeAcuna[1] [1600x1200].jpg
Mammillaria schiedeana ssp. dumetorun - Pozo de Acuna


schiedeana sspdumetorum_RioVerde-169[1] [1600x1200].jpg
Mammillaria schiedeana ssp. dumetorum - Rio Verde
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 31/01/2014, 21:53

Nel gruppo di Mammillaria schiedeana, Serie Lasiacanthae (Hunt) è rimasta soltanto da presentare...

MAMMILLARIA CARMENAE Castaneda, An. Inst. Biol. Mex. 24(2): 233 (1953) Ahuatzin, Cact. Suc. Mex. 22(4): 85 (1977); 23(): 21 (1978);
Lau, Kakt. and Sukk. 28(12): 280-283 (1977); Cact. Succ. J. (US) 50(4): 180-183(1978)

C'è voluto un bel po' di tempo, prima che questa specie fosse introdotta in commercio, dalla sua scoperta nel 1953.
Infatti, dopo la sua descrizione, ne vennnero perse le tracce, finchè Alfred Lau nel 1977 la riscoprì, e la rese disponibile attraverso sue semine e attraverso Derek Desborough che produsse in un solo anno oltre 100 piante innestate partendo proprio da una di quelle semine.
E' ora largamente disponibile in commercio nelle sue varie forme e colori.
Mammillaria carmenae è una pianta capace di formare larghi gruppi, anche se questa capacità varia da pianta a pianta.
Le spine radiali sono numerose, oltre 100, lunghe soltanto fino a 5mm, bianche, giallo-pallide o in coltivazione gialle con punta rosso-bruna.
Queste ultime hanno portato all'aumento del suo fascino facendone una pianta decisamente attraente.
Le spine centrali non sono presenti.
I fiori sono descritti bianchi, sfumati di rosa, sebbene in coltivazione, possiamo trovare anche colorazioni crema o rosa-pallido.
I frutti lunghi fino a 6mm, sono verdastri, trattenuti sotto le spine, ma non all'interno della pianta e necessitano di grande attenzione in occasione della loro estrazione, perchè le spine possono essere seriamente danneggiate durante l'operazione.
I semi sono neri.
L'areale di diffusione di questa pianta in natura è straordinariamente ristretto alla regione di Jaumave, nello stato messicano di Tamaulipas ad altitudini comprese fra gli 850 ed i 1900m.
Anche le piante che Lau ha trovato, provengono dalla stessa località, fra Ciudad Victoria e Jaumave, a Nord di La Reforma.

carmenae lau 1393 m [1600x1200].JPG
Mammillaria carmenae - LAU 1363


carmenae lau 1393 m (2) [1600x1200].JPG
Mammillaria carmenae - LAU 1363


3696-20120420 [1600x1200].jpg
Mammillaria carmenae - LAU 1363


3696-20120420 (2) [1600x1200].jpg
Mammillaria carmenae - LAU 1363


carmenae lau 1223 las rejas tam (1) [1600x1200].jpg
Mammillaria carmenae - LAU 1223


carmenae lau 1223 las rejas tam (2) [1600x1200].jpg
Mammillaria carmenae - LAU 1223
Ultima modifica di maurillio il 31/01/2014, 22:31, modificato 1 volta in totale.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 31/01/2014, 22:04

Una considerevole produzione di ibridi, soprattutto da parte dei coltivatori tedeschi, fra Mammillaria carmenae e Mammillaria laui ha dato luogo a una grande varietà di sfumature nelle spine e nei fiori, in ogni possibile combinazione di colori presenti nelle due specie.
Il fatto che le due specie siano così simili, e così facili all'ibridazione, hanno fatto pensare a più di uno, che potremmo essere in presenza di una unica, singola specie.


4241-20110501 [1600x1200].jpg
Mammillaria laui



Questo è un ibrido di carmenaexlaui - attendo fioriture

2876-20120816 [1600x1200].JPG
carmenaexlaui hybrid
Ultima modifica di maurillio il 16/02/2014, 15:43, modificato 4 volte in totale.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 31/01/2014, 22:25

Ecco ora quanto riportato a proposito di Mammillaria carmenae da Giancarlo Sleiter
nel suo speciale piante grasse "Il genere Mammillaria" a pag.28-29

Questa straordinaria Mammillaria, oggi abbastanza diffusa nelle collezioni, venne scoperta agli inizi degli anni '50 presso La Reja (Jaumave) da Marcelino Castaneda, che la dedicò, con l'epiteto specifico di "carmenae", alla moglie Carmen Gozales-Castaneda (talune fonti la danno come seconda moglie ndm).
Dopo la pubblicazione da parte dello stesso Castaneda della diagnosi negli annali dell'Istituto di Biologia dell'Università del Messico (1953) nessuno riuscì a trovare quel gioiellino di pianta che sembrava scomparsa nel nulla, finchè nel 1977, A.B. Lau e W. Reppenhagen, dopo molte peripezie, riuscirono a localizzare di nuovo due popolazioni di questa specie, una con fiori di color purpureo-violaceo e una con fiori bianchi sfumati di rosa.
Questa Mammillaria cresce su porfido all'ombra leggera di pini e querce in luoghi umidi dove si è potuto accumulare humus nero. Le piante, solitarie o cespitose, hanno aspetto globoso o allungato a seconda dell'esposizione rispettivamente più o meno soleggiata.
Le singole teste possono essere alte fino a 8cm e avere un diametro di circa 5cm.
I tubercoli morbidi e fittamente disposti, sono conici e di color verde-cupo, con succo acquoso; alle ascelle qualche pelo setoloso.
Le areole, sulla sommità dei tubercoli, sono inizialmente provviste di un breve tomento giallo e portano, ciascuna, da 120 a 180 spine dritte, lunghe da 2 a 7mm, sottili e morbide, disposte in più serie, che ricoprono completamente il corpo; il colore delle spine varia dal bianco all'oro.
I fiori disposti in cerchio attorno al vertice della pianta, compaiono fra la fine dell'inverno e la primavera e si succedono per alcuni mesi.
I fritti che maturano circa un anno dopo l'avvenuta impollinazione (la specie è autosterile), restano in parte sepolti nel corpo della pianta, però non è difficile estrarli tirando con una pinzetta i resti del perianzio; essi hanno una pelle sottile, secca, di colore da bianco a grigio.
I semi, reniformi, sono neri.
La coltivazione di Mammillaria carmenae non è difficile.
Il substrato dovrà contenere un po' di humus e l'esposizione non sarà a pieno sole.
Per avere una bella e fitta spinagione è opportuno non annaffiare troppo le piante.
L'allevamento da seme è facile e le piantine raggiungono la forza da fiore dopo circa tre anni dalla semina.

17-20120329 [1600x1200].jpg
Mammillaria carmenae


13-20110427 [1600x1200].jpg
Mammillaria carmenae


1532-20120524 (1) [1600x1200].jpg
Mammillaria carmenae
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maristella » 31/01/2014, 23:24

Ecco la mia, da quando l'ho presa, grande come una noce, al 2013............lei segna errori di coltivazione ed esperienza maturata insieme........ :)

2008 06 06.JPG
2010 13 05.JPG
2011 12 05.JPG
2012 01 05.JPG
2013 08 05.jpg
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 01/02/2014, 15:17

Interessante anche questa
Vorrei chiedere conferma sul fatto che ne esiste una forma a spina completamente rossa la stavo prendendo ieri ma poi è andata nel dimenticatoio, l'ho appoggiata per prenderla prima di uscire dalla serra ma è rimasta la :-(
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda nettuno » 01/02/2014, 20:08

Mammillaria carmenae v. rubra fiore 3 (Copia).JPG
mammillaria carmenae v. rubra (Copia).JPG
io la conosco come varietà "rubra "
Quando ti pungi un dito non imprecare ! è la pianta che ti mostra affetto !"Nettuno"
Avatar utente
nettuno
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2244
Iscritto il: 08/11/2010, 23:26
Località: Monzuno 700 s.l.m. (BO)
Coltivo dal: 2007

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 02/02/2014, 14:29

Premetto che ognuno è libero di chiamare le sue piante come ritiene opportuno.
L'epiteto varietà o forma è scientificamente valido soltanto se la pianta riscontrata in natura, poi descritta e pubblicata è qualificata in tale maniera dalla comunità scientifica.
Ritengo personalmente Mammillaria carmenae a spine rosse uno sport in coltivazione e come tale non affiancabile a termini quali forma o varietà.
L'uso di questi epiteti da parte di ortolani o giardinieri è da ritenersi non valido scientificamente.
Ultima modifica di maurillio il 16/02/2014, 15:44, modificato 1 volta in totale.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 02/02/2014, 20:07

Grazie per la chiarezza Maurizio: era proprio denominata M. carmenae forma rubra e aveva la spinagione di un bel rosso bordeaux.
Ma a questo punto se ho capito gusto è da considerarsi una cv??
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 02/02/2014, 20:13

Finchè non verrà riscontrata in natura, descritta e pubblicata, direi proprio di sì.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda Edus » 02/02/2014, 23:19

Marco, penso sia questa quella che intendi.

020-01 M. carmenae cv. rubra 05-04-2013.jpg
M. carmenae cv. rubra
Eduardo
Avatar utente
Edus
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 21/09/2010, 9:30
Località: Potenza
Coltivo dal: 2008

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 03/02/2014, 9:50

Si è proprio lei ma era cartellinata f. rubra :)
Cmq una bella cv.......peccato averla lasciata
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda Edus » 03/02/2014, 20:34

Capo, posso tornare un attimo indietro? Lo so che non si fa per non per perdere il filo, però mi sono ricordato di una vecchia discussione, sulle varietà, cv, ecc. della plumosa e ho dimenticato di chiedertelo al momento opportuno, sai com'è l'età incombe ....
In particolare, come vanno considerate le varie: 'Golf Ball', v. icamole, v. roseiflora, ecc., quali sono valide?
Eduardo
Avatar utente
Edus
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 21/09/2010, 9:30
Località: Potenza
Coltivo dal: 2008

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 03/02/2014, 22:09

Di Mammillaria plumosa non trovo descritta nessuna sottospecie, varietà o forma.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda Edus » 04/02/2014, 13:10

Se fossero delle cultivar, a loro volta dovrebbero essere registrate, giusto? Che tu sappia lo sono?
Se così non fosse, comunque sono anni che si trovano in giro queste piante così denominate e probabilmente ci troviamo di nuovo di fonte ad un'invenzione dei vari vivaisti/produttori per vendere più piante dello stesso modello sotto nomi diversi?
Pertanto, per chi ne fosse in possesso, come le dovrebbe etichettare? Usando il virgolettato? Quindi avremo ad esempio: Mammillaria plumosa "Golf Ball", che te ne pare?
Eduardo
Avatar utente
Edus
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 21/09/2010, 9:30
Località: Potenza
Coltivo dal: 2008

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 04/02/2014, 15:55

Ciao Eduardo, queste Mammillaria plumosa (golf-ball) come suggerisce Maurizio non sono descritte in letteratura e probabilmente non sono neppure registrate come Cultivar o altro
Dovrebbero essere "cloni" messi in circolo alla fine degli anni 80 da un noto vivaio inglese.
La possibilità è che molto probabilmente i primi cloni potessero provenire da un gruppo di piante prelevate in natura negli anni 70 e successivamente riprodotte agamicamente per la vendita, di cui in seguito si è persa traccia
Da: La mia Mammillaria "Golf-Ball" A. Marvelli Rivista Cactus & Co Vol. II n°3 (11) 1998 pag. 21
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda Edus » 04/02/2014, 16:24

Ok, perfetto, grazie Marco.
Eduardo
Avatar utente
Edus
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 21/09/2010, 9:30
Località: Potenza
Coltivo dal: 2008

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda ento » 05/02/2014, 19:22

Finalmente, dopo una settimana, il computer è ritornato a casa
Le mie carmeae...
carmenae (2).JPG
carmenae
carmenae alba.JPG
carmenae cv alba
carmenae (7).JPG
carmenae
carmenae djw2-98 (2).JPG
carmenae
carmenae lau 1363.JPG
carmenae lau 1363
Ennio
ento
 
Messaggi: 113
Iscritto il: 10/05/2010, 20:20
Località: vado ligure
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 05/02/2014, 19:44

:hmm: Penso che dovrò tornare al piu presto nella famosa serra a recuperare la carmenae lasciata per dimenticanza, è troppo bella :wink:
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 08/02/2014, 19:03

Certo è Ennio che il colore dei fiori della tua Mammillaria carmenae LAU 1363 non è soltanto sfumato di rosa, ma mi sembra decisamente rosa.
Anche Pilbeam ritrae una carmenae collezionata negli anni 80 da Alfred Lau con fiori rosa.
Di sicuro le Mammillarie sono un bel po' anarchiche.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 08/02/2014, 20:08

E' tempo di considerare il gruppo di Mammillaria humboldtii all'interno del quale ricorrono:
Mammillaria humboldtii e Mammillaria laui e le sue ssp. dasyacantha e subducta.

MAMMILLARIA HUMBOLDTII Ehrenberg, Linnea 14 :378 (1840); Glass & Foster, Cact. & Succ. J. (U.S) 50(6); 287 (1978)

Da "Mammillaria" di John Pilbeam:
Le specie a spine bianche, tendono ad essere sempre più popolari fra gli amanti del genere, ed è questa una delle più affascinanti fra esse, con le sue spine bianco-ghiaccio, che tendono a coprire completamente il corpo, contrastando splendidamente con il colore rosa-brillante dei suoi fiori.
Se ne conoscono due differenti varianti: una con l'aspetto ispido, ad una prima occhiata simile a Mammillaria candida (ma non ad essa relazionata) - questa riportata dal territorio che va da Milpa Grande e San Pablo Tetlapaya, Hidalgo -
Essa è apparsa recentemente * (ma potrebbe benissimo essere quella originariamente descritta) prima con piante ricevute da Felipe Otero circa 20 anni fa e negli ultimi 10 anni anche da altre fonti.
La seconda presenta spine molto più appressate e ricorda decisamente Mammillaria herrerae.
Accestisce con molta più facilità ed è riportata dalle vicinanze del Lago di Metztitlan, San Cristobal, Hidalgo.
Entrambe le varianti sono state trovate occasionalmente anche nello stato di Queretaro, ma questi ritrovamenti non sono poi stati ufficialmente confermati.
Come spesso succede anche ad altre biancospinate, essa è usuale crescere in natura su calcare e anche in coltivazione potrebbe avere notevoli benefici, l'aggiunta di piccole schegge di calcare.
I corpi sono più o meno globulari, con diametro di circa 5cm con lana nelle ascelle e frequenti setole che contribuiscono a coprirli completamente.
Le spine sono una ottantina, tutte radiali, dritte e bianche.
I fiori hanno colore rosa-luminoso, con stimma verde.
I frutti sono descritti da Craig rossi, ma non ho mai visto frutti emergere, cosicchè penso siano trattenuti all'interno del corpo o sotto al piano delle spine.
Dallo stato messicano di Hidalgo, ad altitudini comprese fra i 1.350 ed i 1.500 metri.

* ricordo che "Mammillaria" è stato pubblicato nel 1999


Non ero al corrente, prima di questa traduzione dell'esistenza di queste due forme in Mammillaria humboldtii.
Sono ben graditi contributi capaci di chiarire quanto scritto da John Pilbeam.
Intanto....

2236-20100611 (4) [1600x1200].jpg
Mammillaria humboldtii


2236-20130526 (3) [1600x1200].jpg
Mammillaria humboldtii


2236-20130526 (2) [1600x1200].jpg
Mammillaria humboldtii


583-20130527 (1) [1600x1200].jpg
Mammillaria humboldtii


583-20120527 (1) [1600x1200].jpg


583-20120527 (3) [1600x1200].jpg
Mammillaria humboldtii
Ultima modifica di maurillio il 08/02/2014, 20:25, modificato 1 volta in totale.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 08/02/2014, 20:11

Di seguito dal "Journal" la descrizione originale di Ehremberg...


M.humboldtii Ehrenb. in Linnaea 14 :378. 1840.

Solitary or several headed, depressed globose or globose tubercles 4-12 mm. l.ong, 2-3 mm. thick (with watery sap); axils with wool and white
bristles, longer or shorter than the tubercles. Spines all radial, 80 or more, 4-6 mm. long, unequal, snow-white, smooth, delicate, straight.
Flowers longer than the tubercles, bright red; stigmas 3 green. (Fruit clavate red, dried perianth not persisting; seeds black).
MEXICO: Hidalgo, limestone hills between Ixmiquilpan and Metztitlan,
January 1840. Type not stated to have been preserved.
According to Craig, this species grows with its ally M.schiedeana and hybrids occur (see Craig's fig. 125). Following the general pattern of
Mammillaria distribution and variation in the field, intermediates are usually more plausibly explained as residual links between incompletely
evolved species rather than as hybrids between distinct species.
The true explanation in this case will probably only be determined by intensive field study



Mammillaria humboldtii forma da Queretaro dalla collezione del Prof. Zanovello - Vicenza

humboldti f.ma queretaro [1600x1200].JPG
Mammillaria humboldtii forma - Queretaro - Messico


humboldtii [1600x1200].jpg
Mammillaria humboldtii - Collezione Antonio Gandolfo
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda mauro » 09/02/2014, 11:23

ciao, è una delle più belle ed eleganti secondo me
qui in prima foto è ora a riposo e aggiungo l'unica foto che ho ritrovato della precedente stagione
2012 1459 [1600x1200].jpg
2012 361 [1600x1200].jpg

recentemente navigando tra gli amici in FB ho visto alcune foto indicate con questo nome e mi era sorto il dubbio che assomigliassero anche a mammi candida, avevo pensato ad una delle mie solite sviste :) , se le ritrovo le copio
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda ilga » 09/02/2014, 16:11

Anche per me è una delle mammi più belle ed eleganti, questa è la mia in fioritura :)

DSCF6578a [1024x768].jpg
Claudia
Avatar utente
ilga
 
Messaggi: 1368
Iscritto il: 30/07/2010, 11:13
Località: Policoro (Mt)
Coltivo dal: 2007

PrecedenteProssimo

Torna a Cactus

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron