Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Mostraci i tuoi cactus

Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 16/01/2014, 23:54

I più recenti e utilizzati sistemi di classificazione delle Mammillarie, sono rispettivamente quello di Luthy, quello di Hunt e quello di Reppenhagen.
Questi studiosi sono in disaccordo fra di loro, perchè valutano in maniera differente il peso da dare ai diversi caratteri (morfologici, fisiologici e biologici) al fine della distinzione dei vari generi, sottogeneri, sezioni, gruppi ecc.
Analogamente al precedente lavoro sulla Serie Ancistracanthae, vorrei sviluppare anche questo studio seguendo il sistema di classificazione secondo Hunt. Il titolo precedente è parzialmente fuorviante, perchè cita invece Reppenhagen.
Era un "critical look" alla sua monografia, redatto da R.E. Standley sul "journal", la scusa per raccogliere tutte le informazioni possibili sulla Serie Ancistracanthae.
Alla fine abbiamo però seguito lo schema di Hunt, cosìccome faremo in questa nuova avventura.
Confido ancora in interventi, domande e contributi da parte di tutti gli appassionati che vorranno seguirmi, pregandoli soltanto di rispettare la coerenza temporale scandita dal susseguirsi degli argomenti da me presentati....

MAMMILLARIA
SERIE LASIACANTHAE (Hunt)

Fiori piccoli o medi (raramente di dimensioni superiori ai 2cm), rosa, pallido, giallastri o bianchi, raramente porpora o rosa-porporini - spine centrali solitamente assenti - nei rari casi in cui sono presenti, sono numerose e confluiscono nelle radiali (M.laui ssp. subducta) - spine radiali molto numerose - corpi sferici o appiattiti e pressochè oscurati dalle spine - semi neri

Gruppo di Mammillaria schiedeana
Gruppo di Mammillaria humboldtii
Gruppo di Mammillaria herrerae
Gruppo di Mammillaria lenta
Gruppo di Mammillaria pectinifera
Gruppo di Mammillaria lasiacantha
Ultima modifica di maurillio il 08/02/2014, 18:53, modificato 1 volta in totale.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 17/01/2014, 0:35

GRUPPO DI MAMMILLARIA SCHIEDEANA
quattro specie considerate da Hunt
Mammillaria plumosa
Mammillaria schiedeana e ssp dumetorum
Mammillaria giselae (su Mammillaria di John Pilbeam trattata come ssp di Mammillaria schiedeana)
Mammillaria carmenae

MAMMILLARIA PLUMOSA
da "il genere Mammillaria" di Giancarlo Sleiter pag.64 e 65

L'epiteto specifico di questa stupenda Mammillaria non potrebbe essere stato scelto meglio da Weber che la descrisse meno di cento anni fa e che oggi viene classificata nel sottogenere Mammillaria, sezione Hydrocylus (dal succo acquoso), serie Lasiacanthae (villoso di spine), gruppo di Mammillaria schiedeana. Mammillaria plumosa è originaria delle regioni poste al confine fra gli stati messicani di Coahuila e Nuevo Leon dove cresce su terreno rupestre nella zona della Sierra Madre Oriental compresa fra Saltillo e Monterrey (descritta, fra l'altro, da Mariposa nei pressi di Los Muertos e del Canyon Huasteca), è pianta cespitosa che forma gruppi, anche di notevole estensione.
Le singole teste possono raggiungere la dimensione di 7cm; l'epidermide, invisibile a causa del fitto rivestimento di spine e peli, è di color verde erba; i tubercoli, le cui ascelle sono fittamente lanose, sono cilindrici e hanno una consistenza morbida; sulle areole non vi sono spine centrali; quelle radiali, in numero vicino a quaranta, sono bianche, lunghe da 3 a 7mm, piumose e setiformi.
I fiori che compaiono quà e là dalle ascelle dei tubercoli vecchi nella stagione fredda dell'anno se le piante sono tenute in buona luce (pieno sole) e a temperature non inferiori a 10°C sono piccoli e di colore bianco, talora soffuso di rosa, con una riga centrale appena più scura e la gola verdastra.
I frutti claviformi e nascosti sotto le spine, sono rossastri a maturità e contengono piccoli semi neri.
Di questa Mammillaria sono noti vari cultivar che differiscono fra di loro, sia nel modo do accestirsi sia nel rivestimento che può dimostrarsi più o meno compatto.
Noto è il cultivar "Rosa Blute" a fiori decisamente rosa (ndr).


Da "Cactus" di Britton & Rose la descrizione originale:
81. Neomammillaria plumosa (Weber).
Mammillaria plumosa Weber, Dict. Hort. Bois 804. 1898.
Small, growing in dense clusters sometimes 15 cm. broad, entirely covered by the mass of white
spines; tubercles small, somewhat woolly in their axils, 2 to 3 mm. long; spines about 40, all radial,
weak, plumose, 3 to 7 mm. long; flowers white, small, 3 to 4 mm. long; perianth-segments with a red
line running down the center; seeds black.
Type locality: Northern Mexico.
Distribution: Northern Mexico.
This plant for a long time passed in the trade under the name of Mammillaria
lasiacantha, but it is, of course, very different. It is a very striking species and differs from
all the others in its feather-like spines. We have had it under observation since 1907 and
it has only once flowered (1921).
According to Walton, it is called the feather ball on account of the feather-like spines.


3648-20101104 (1) [1600x1200].jpg
Mammillaria plumosa


3648-20101104 (2) [1600x1200].jpg
Mammillaria plumosa


3649-20101104 (6) [1600x1200].jpg
Mammillaria plumosa


3649-20101104 (5) [1600x1200].jpg
Mammillaria plumosa
Ultima modifica di maurillio il 19/01/2014, 18:02, modificato 3 volte in totale.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda Morena » 17/01/2014, 10:39

Interrompo brevemente solo per dirti: ti seguo, sei forte Maurì! :clap2:
Avatar utente
Morena
 
Messaggi: 1823
Iscritto il: 22/05/2010, 15:06
Località: Ancona
Coltivo dal: 2004

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 17/01/2014, 12:23

Tutte affascinanti le Mammillarie della serie Lasiacantha.
Trovo però abbastanza difficoltosa la coltivazione di M. plumosa anche se molto semplice la propagazione.
L'anno scorso uno dei cloni propagati da pollone mi è seccato, probabilmente a causa delle parsimoniose (forse troppo) annaffiature estive che dedico alle Mammillarie.
Ho però ancora cloni con il fiore leggermente rosato che provengono da una pianta molto antica (il termine esatto è quello) acquistata alla fine degli anni 80 da un amico cactofilo, col quale acquistai anche la mia, persa nel 2008 dopo 20 anni di coltivazione mentre l'altra pianta (quella che ha dato origine ai nuovi cloni a fiore rosato) è andata perduta nella primavera del 2011.

La propagazione di M. plumosa è abbastanza semplice e può avvenire sia da divisione dei cespi che da tubercolo.
I cloni della pianta a fiori rosati sono stati propagati da separazione dei cespi della pianta madre che era marcita.
Ho notato una certa rusticità riguardo la propagazione, i polloni staccati dalla madre hanno radicato in condizioni avverse estreme, (fuoriterra e in piena estate, completamente a secco)gli stessi al trapianto erano quasi completamente disidratati, ma due hanno fiorito dopo 8 mesi dalla radicazione e conseguente trapianto: altresì ho provato anche a moltiplicare da tubercolo, certo il tempo per dare vita ad una nuova pianta è molto piu lungo, devo però ribadire l'estrema facilità di propagazione di M. plumosa che mi sembra in contraddizione con la difficoltà di coltivazione riscontrata nella pianta adulta.

001Mammillaria_plumosa_©M.S.2014.JPG
Il clone Dicembre 2013
002Mammillaria_plumosa_©M.S.2014.jpg
Il clone fiorito inverno 2011/12
003Mammillaria_plumosa_©M.S.2014.JPG
le spine di M. plumosa Gennaio 2014
Il clone
004Mammillaria_plumosa_©M.S.2014 (Large).JPG
Mammillaria plumosa
La mia vecchia pianta ormai perduta
005Mammillaria_plumosa_©M.S.2014 (Large).JPG
Mammillaria plumosa
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8428
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maristella » 17/01/2014, 17:18

Che dire..........col Mauri altro che cultura!!! :) Trovo che sia una delle Mammillarie più belle! Della serie Lasiacanthe, gruppo schiediana, la schiediana ssp schiediana (io la conosco così) è la prima ciccia in assoluto che ho acquistato nel 1998, insieme ad una polythele inermis. Ha campato sul balcone della mia precedente abitazione d'inverno e d'estate, ha preso acqua in tutte le stagioni, ed un paio di volte una spolverata di neve, sino al 2005 era in composta cemento+tubi d'acciaio, che non vi dico per svasarla.........eppure lei è ancora con me, con la polythele appunto, unica a non aver mai preso cocciniglia o ragnetto, unica a regalarmi fioriture praticamente tutto l'anno, se escludiamo luglio ed agosto............deve volermi un gran bene! :wink:
Plumosa: :hmm: meno fortunata! dunque ne avevo 2, una con 7-8 testine, ed una che mi ha regalato Marco ad aprile dello scorso anno da sue semine! (:kiss:) La prima l'ho fatta fuori...nel senso di uccisa, :-( mio malgrado, confesso! :cry: tenuta in composta molto minerale (con lapillo però perchè quella del lapillo è una teoria appresa proprio ad aprile!), fuori al freddo d'inverno, e qui da me raramente si tocca lo 0° di minima, coperta dalle piogge, ma soleggiata, dopo avermi tirato fuori 2 fiorellini, l'ho vista rinsecchirsi progressivamente e non c'è stato nulla da fare!!
Non la svasavo da un paio d'anni, perchè m'era parso di capire che non ama molto i traslochi, ma anche io come te Marco, penso d'aver esagerato con la parsimonia idrica!
La piccolina, figlia di papà Marco pare stia bene, è all'esterno ed in posizione soleggiata. Cresciuta rispetto ad aprile scorso, temo che dovrò svasarla, ed oltre a temere........mi viene da tremare! :o
Della serie LASIACANTHAE gruppo schiediana, le ho tutte, poi con calma, se non dò fastidio al Mauri, distraendolo, magari piano piano ve le mostro!
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 17/01/2014, 18:25

Mari sarebbe bello vedere la tua piccola che non è una mia semina bensì un clone come i miei di quella antica pianta, acquistata nel 1988 inoltre il fiore dovrebbe essere rosato come quello in fotografia ho regalato altri cloni ad atri amici, così la pianta avrà piu possibilità di proseguire il suo lungo cammino :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8428
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maristella » 17/01/2014, 20:56

Ribadisco, se non creo scompiglio Domenica mattina la fotografo, così vedi anche come cresce!! :)
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda mauro » 17/01/2014, 21:49

ciao, questo post lo seguirò sicuramente, sono attratto da quasi tutte le bamboline di questo pelo :)
forse anche perchè mi sembrano più robuste a sopportare temperature non miti, ma potrei sbagliarmi non conoscendone bene la storia.
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda ento » 18/01/2014, 21:25

Non ho avuto grosse difficoltà a coltivare questa specie partendo dalla semina, preferisce, come altre specie del gruppo lasiacantha, terriccio basico e non gradisce l'acqua sulle spine, ma nel sottovaso.

Alcune foto di oggi, i fiori non sono completamente aperti,solo pioggia da diversi giorni.
plumosa (3).JPG
plumosa (10).JPG
plumosa golf ball (2).JPG
plumosa v. icamor (2).JPG
Ennio
ento
 
Messaggi: 113
Iscritto il: 10/05/2010, 20:20
Località: vado ligure
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 19/01/2014, 18:00

Bene, vedo che possiamo fare un buon lavoro.
Perintanto grazie a tutti, buon compleanno a Ento e in attesa della foto di Maristella, vi mostro come avreste potuto trovare una Mammillaria plumosa nel Canyon Huasteca se foste stati Grzegorz F. Matuszewski....
La foto è stata scaricata da uno dei suoi reportages.....

plumosa_Mina[1] [1600x1200].jpg
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 19/01/2014, 18:08

Questa invece è un monumento a casa dell'amico Palmero....

plumosa palmero [1600x1200].jpg
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 19/01/2014, 18:10

Questo invece è un prato di Mammillaria plumosa...

plumosa enzo [1600x1200].JPG
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 19/01/2014, 18:58

Beh!!!ad Ennio li voglio fare pure io gli auguri: miei e da parte delle sue piante, (ormai piantone) che vivono quì :)

Splendida la foto della plumosa abbarbicata alla roccia: da queste visuali a volte si possono trarre indicazioni di come coltivare le piante in oggetto senza ovviamente scopiazzare pari pari, quello che succede in natura, dalla foto si evince che sicuramente li non può esserci ristagno di acqua.

Riporto dallo stesso articolo citato da Maurizio: Il genere Mammillaria: speciale Piante Grasse 2012

La coltura di questa pianta richiede alcune attenzioni in quanto è pianta sensibile agli eccessi di umidità. Nei mesi caldi dell'anno sono gradite frequenti nebulizzazioni con acqua piovana o distillata; dalla fine dell'estatee fino alla fioritura si annaffierà(con prudenza)per immersione badando che l'umidità rimanga confinata alle radici e si somministrerà di tanto in tanto del fertilizzante. Dopo la fioritura si lasceranno le piante in riposo per 2-3 mesi. Il subdstrato dovrà essere povero di sostanze umiche e tale da non permettere all'umidità diristagnare.
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8428
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda nettuno » 19/01/2014, 20:18

Bellissime piante , bellissime foto , quella attaccata la roccia è molto particolare !
Quando ti pungi un dito non imprecare ! è la pianta che ti mostra affetto !"Nettuno"
Avatar utente
nettuno
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2244
Iscritto il: 08/11/2010, 23:26
Località: Monzuno 700 s.l.m. (BO)
Coltivo dal: 2007

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maristella » 19/01/2014, 23:08

:-( :cry: oggi pioggia continua e buio..........e che fotografo!! :cry:
Mauri, l'immagine della plumosa in verticale sulla roccia è mozzafiato.........bellissima! :P Convieni che la natura potrà anche essere plasmata dalla mano dell'uomo, ma mai si riuscirà ad imitarla!! :)
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda mauro » 20/01/2014, 0:19

ciao un'altra candidata alla ciotola in coccio :)
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 21/01/2014, 9:20

:hmm: Stavo pensando la stessa cosa Mauro ma dato che tutte le piante le coltivo in plastica, penso sia meglio proseguire con questo tipo di vasi per non mischiare e creare ulteriori confusioni.
La soluzione potrebbe essere quella di usare un terriccio molto minerale 10% di sostanza organica 90% di inerti ed essere molto parsimoniosi nelle annaffiature :)

Una M. plumosa acquistata settimana scorsa per pochi euro, liberata dalla torbaccia che strozzava le radici e rinvasata oggi in un terriccio molto minerale.
La pianta appoggia su uno strato di zeoilite, 1 cm.
019Mammillaria_ plumosa_©M.S.2014 (Large).JPG


Ho usato la zeolite perchè da prove fatte non galleggia
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8428
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda ilga » 22/01/2014, 19:15

Presente ! :) so che non ci crederete ma è vero :lol: oggi mi sono imposta di mettere da parte tutto ciò che da mesi mi obbliga mio malgrado a mettere a parte i miei interessi, ho passato un paio di ore in serra e come logica prosecuzione mi dedico finalmente anche un pò al forum. Bella la plumosa, così soffice e delicata, la prima che ho avuto l'ho persa un paio di anni fa, non so se per essere stata anche io troppo parsimoniosa in estate con l'acqua o se a causa del maledetto ragnetto talvolta anche più difficile da identificare in tempo sulle bianche ! Ora ne ho due una che ho ripreso in tempo dal suddetto ( con il tempo si impara...) ed il clone a fiori rosa di Marco.

plumosa fiore rosa [1024x768].jpg
Non sono riuscita ancora a svasare nulla ma con Marco....vado sul sicuro !

plumosa [1024x768].jpg
ha fiorito, poverina, ma io..non c'ero...qualche bocciolino ancora è in arrivo

20140122_113131b [1024x768].jpg
la foto è quella che è ma...alle mie ormai siete abituati...



:)
Claudia
Avatar utente
ilga
 
Messaggi: 1368
Iscritto il: 30/07/2010, 11:13
Località: Policoro (Mt)
Coltivo dal: 2007

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 22/01/2014, 20:35

MAMMILLARIA SCHIEDEANA - Ehrenberg., Allg. Gartenz. 6: 249 (1838); Linnea 19: 234 (1846)

Mammillaria schiedeana frequente nelle collezioni per la sua ampia commercializzazione, presenta una delle più spettacolari spinagioni della specie.
Proprio in merito alle spine numerosissime e tutte radiali, distinguiamo due forme distinte in coltivazione.
Una con spine prevalentemente giallo-oro con corpi relativamente larghi (8/10cm di diametro) globulari, appiattiti e talvolta circondati da polloni .
Una seconda con aspetto bianco-crema in cui le spine si presentano molto più piumose ed i corpi più piccoli (5/6cm di diametro) più depressi e più regolarmente circondati da polloni.
L'ultima forma è spesso cartellinata M.schiedeana f. plumosa, ma questo è un "horticultural name" di nessuna rilevanza ufficiale.
Werner Reppenhagen la mostra nei due volumi della sua monografia e riporta di aver riscontrato in natura entrambe le forme estreme, una bianco puro e l'altra con spine giallo-oro nella popolazione vicina a Tlatepeche nello stato messicano di Hidalgo.
Forme intermedie fra le due sono presenti nelle collezioni e come testimoniati da Reppenhagen esistono in natura.
Sfogliando il "journal of the U.K. Mammillaria Society" ho spesso incontrato note sulla v. plumosa definita un nome spesso usato ma mai pubblicato.

Il botanico tedesco C.A. Ehremberg descrisse Mammillaria schiedeana nel 1838 e così la chiamò in memoria del dott. Guglielmo Schiede, medico di Kassel in Germania che morì nel 1836 in Messico.
Essa venne scoperta presso Puente di Dios (Barranca del Meztitlan, Hidalgo) e viene oggi classificata nella sezione Hydrocylus (il succo è pertanto acquoso).
La pianta fortemente sferica, più o meno appiattita all'apice emette una gran quantità di polloni basali dando vita a densi gruppi.
I tubercoli morbidi come consistenza, sono conico cilindrici, lunghi circa 1cm, disposti in basse spirali con qualche pelo setoloso alla base.
Le areole presentano numerosissime spine radiali (circa 80) molto sottili, lunghe 2/5mm, poste in ravvicinate serie concentriche e inframezzate da peli setolosi gialli alla base che si espandono intersecandosi con quelle delle areole adiacenti, così da apparire come serie di leggeri festoni sul fusto.
Il colore dell'epidermide di quest'ultimo varia dal verde-erba al verde-bottiglia.
Le spine centrali sono assenti.
I fiori, lunghi 2cm, sono bianchi o bianco-crema, con i segmenti interni del perianzio dentellati.
I frutticini cilindrici sono rossi.
Le radici di questa pianta possono essere sia fibrose che consistenti in un lungo fittone.
Nei paesi di lingua tedesca è nota col nome volgare di "muschio d'oro.

Di se guito la descrizione originale che non guasta mai...

No. 10. Mammillaria schiedeana (Ehrenberg)
Mammillaria schiedeana. Ehrenberg, Allg. Garten 2. 6: 275, 1838.
Body: Simple and caespitose, globose to elongate, with somewhat sunken apex, 25 - 100 mm. high, 25 - 40 mm. wide. Tubercles arranged in 13 and
21 spirals, soft in texture, dark green, slender conic to cylindric, terete with watery sap, 6 - 1 0 mm. long, 3 - 4 mm. wide at base. Axils with white
wool longer than the tubercles.
Spines: Centrals none.
Radials very numerous to about 75, in more than one series, 2 - 5 mm. long, very slender acicular, straight, pubescent,
white at base, to yellow, to golden yellow at tip, horizontal to depressed.
Flowers: Wide funnelform to 20 ram. long, 15 mm. wide. Outer perianth segments greenish white, darker ventral-stripe,
lanceolate, tip acute, margins serrate.
Inner perianth segments white to yellowish white, clavate to acute, margins entire with split ends. Filaments white. Anthers bright
canary yellow. Style white to cream. Stigma lobes 4, bright yellow, short obtuse.
Fruit: Bright carmine, elongate globular, 23 x 12 mm. with dried perianth persisting. Seeds glossy black, elongate globular,
slightly curved, constricted and truncate at base, with hilum basal and extending slightly on to lateral. 1.3 x 0.8 mm.
Distribution: Hidalgo and central Mexico.


290-20091005 (3) [1600x1200].jpg
Mammillaria schiedeana



329-20091005 (1) [1600x1200].jpg
Mammillaria schiedeana



carmenae -20110527 072 [1600x1200].jpg
Mammillaria schiedeana



Non ho documentazione fotografica di Mammillaria schiedeana v. plumosa
Ultima modifica di maurillio il 16/02/2014, 19:45, modificato 3 volte in totale.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 22/01/2014, 20:38

MAMMILLARIA SCHIEDEANA ssp. DUMETORUM - (J. Purpus) Hunt, Mamm. Postscripts 6: 7 (1997); J. Purpus, Monatsschr. Kakteenk. 22: 149 (1912) - as Mammillaria dumetorum; Glass & Foster, Cact. Succ. J. (US9 53 (3): 143-144 (1981) - as M.schiedeana var. dumetorum

Britton e Rose hanno indicato questo taxa come sinonimo di Mammillaria schiedeana, ma Glass e Foster dopo averlo trovato in natura nel 1963 lo hanno riconosciuto come separata varietà basando la loro convinzione sul differente numero e carattere delle spine.
Essi la trovarono molto più a Nord rispetto al tipo, nella parte Est dello stato di San Luis Potosì.
Viene descritta capace di produrre larghi gruppi coi suoi polloni.
In natura Glass e Foster ne hanno documentato un ammasso con oltre 20 apici, ma questo avviene anche in coltivazione, nelle più datate collezioni.
Nelle ascelle troviamo qualche setola, ma non lanosità.
Le spine disposte in due/tre serie, da aghiformi, fino a setoliformi.
Possiamo trovare occasionalmente una spina centrale, da bianca a giallastra, gialla alla base.
I fiori sono biancastri, con lo stimma bianco-giallastro.
I frutti sono rossi ed i semi neri.
Dagli stati messicani di Queretaro e San Luis Potosì fra i 1150 ed i 2250m di altitudine


218-20110331 (2) [1600x1200].jpg
Mammillaria schiedeana ssp. dumetorum



218-20130518 [1600x1200].jpg
Mammillaria schiedeana ssp. dumetorum
Ultima modifica di maurillio il 23/01/2014, 18:11, modificato 1 volta in totale.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 22/01/2014, 21:41

Non preoccuparti Claudia terriccio molto minerale con copertura di acadama semmai un po di concime non guasta :)

Bene siamo alla Mammillaria schedeana.
Una splendida Mammillaria, concordo con Maurizio forse tra e piu belle.
Io ho una pianta regalatami da Aurora nel 2006, se ricordo bene seminata nel 2004
Oltre le vestiga spettacolari delle spine e i bei fiori bianco candidi dai petali lanceolati, questa mammillaria ha una grossa radice fittonante, una carota impressionante.
Inoltre continua a fiorire a fasi alterne da Marzo a Settembre con la sola fermata del periodo piu caldo: Luglio Agosto
Secondo me è importante garanrire la massima traspirazione del terriccio aggiungendo molte pomice e una frazione di inerti di misure anche considerevoli 8/10mm
001Mammillaria_schiedeana_©M.S.2007 (Large).JPG
Mammillaria schiedeana nel 2007
a 3 anni dalla semina
002Mammillaria_schiedeana_©M.S.2013 .JPG
Mammillaria schiedeana
Marzo 2013
003Mammillaria_schiedeana_©M.S.2013 (Large).JPG
Mammillaria schiedeana
Dicembre 2013
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8428
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda maurillio » 22/01/2014, 22:43

Ancora su Mammillaria schiedeana ssp. dumetorum dal "journal":
Febbraio 1974 - volume XIV - n.1

Strettamente correlata a Mammillaria schiedeana e forse forma intermedia fra essa e il gruppo di Mammillaria prolifera, Mammillaria dumetorum è stata rinvenuta in natura nello stato messicano di San Luis Potosì, vicino a Minas de San Rafael data anche come località tipo di Mammillaria pilispina.
Essa, ha un diverso sistema di spine, disposte in diverse serie e di diversa foggia.
Da finemente setose ad aciculari, in altre parole vicine a quanto riscontrato nel gruppo di Mammillaria prolifera.
Mammillaria dumetorum è stata ricollezionata da Glass e Foster a Est della città di San Luis Potosì sulla strada per Rio Verde.
Questa area, anche se distante 150 miglia da Meztitlan, è compresa nello stesso sistema fluviale della Sierra Madre Oriental (tutti i fiumi si riversano in mare vicino a Tampico) ed è prevedibile che piante di entrambi i tipi ivi crescano in habitat adatti.
Attualmente, per mancanza di strade, questa aspra regione è botanicamente poco conosciuta.


691-20120507 (1) [1600x1200].jpg
Mammillaria schiedeana ssp. dumetorum







Ancora dal "Journal" vol.35 pag.13
Sebbene M.dumetorum presenti affinità con M.schiedeana, ci sono differenze ben riscontrabili in entrambe le piante.
M.dumetorum ha spine più rigide, tutte radiali, che tendono ad essere più forti e pallide, bianche o bianco-giallastre, mentre quelle di M.schiedeana sono sicuramente più colorate e luminose.
Entrambe formano grossi gruppi con l'invecchiamento, ma quelli di M.dumetorum sono più piccoli, con la tendenza a diventare colonnari con l'età.
Ultima modifica di maurillio il 25/01/2014, 20:25, modificato 4 volte in totale.
maurillio
 
Messaggi: 1196
Iscritto il: 08/05/2010, 19:57
Località: modena
Coltivo dal: 1992

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda Edus » 23/01/2014, 9:42

Aggiungo anche io qualche immagine.

024-01.jpg
Mammillaria schiedeana
20140123_073506.jpg
Mammillaria schiedeana ssp. dumetorum
20140123_073614.jpg
Mammillaria schiedeana v. plumosa


Avrei anche una Mammillaria schiedeana HR250, ma ha subito un incidente :furious: e devo vedere se riesco a fotografarla dal lato meno danneggiato ....
Eduardo
Avatar utente
Edus
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 21/09/2010, 9:30
Località: Potenza
Coltivo dal: 2008

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda Edus » 23/01/2014, 9:58

Sono in ritardo per aggiungere anche un paio di foto di M. plumosa? Se dovessi essere fuori tempo massimo le puoi tranquillamente cassare!!

003-01.jpg
Mammillaria plumosa

003-02.jpg
Mammillaria plumosa
Eduardo
Avatar utente
Edus
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 21/09/2010, 9:30
Località: Potenza
Coltivo dal: 2008

Re: Mammillaria - Serie Lasiacanthae - Hunt

Messaggioda marco » 23/01/2014, 22:30

Ciao Eduardo quella plumosa è la famosa a fiore rosa :D

Per quanto riguarda la M. schiedeana var. plumosa mi risulta che sarebbe una varietà orticola, in sostanza una cultivar che si trova in commercio con quel nome.
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8428
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Prossimo

Torna a Cactus

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 4 ospiti