Rinvasando la mia Chimera

Mostraci i tuoi cactus

Rinvasando la mia Chimera

Messaggioda adolfo appierto » 31/12/2015, 16:37

Non sono un tassonomo, mi annoia dover riconoscere la specie di una succulenta o…figuriamoci poi quella di una sottospecie; mi affascina più l’estetica che il nome di una pianta, mi piacciono le mostruose per la loro stranezza e unicità ma è per me spettacolo unico anche la visione, per esempio, di una Mammillaria geminispina accestita con lunghissime e candide spine. Si possono immaginare quindi le mie sensazioni quando Panarotto ha acconsentito nel cedermi questa bellissima chimera Ariopsis.
Di chimere ormai se ne trovano ormai diverse sui bancali dei vivaisti ma quasi tutte talee di un originale soggetto. Trovarne una formatasi sull’innesto che la nutre, che presenta evidente la trasformazione della natura dei particolari o dei fiori, è caso davvero unico.
Il mio acquisto è del 2008, oggi la rinvaso per la seconda volta ed è la giusta occasione per mostrarla senza veli, pardon, senza terriccio dalla radice in su. Come primo impatto non ci può non stupire del tutore Echinopsis scelto e disegnato dall’amico Paolo: un cono perfetto, sagomato sulle coste dalla metà crescita per non dire poi riguardo l’attaccatura dell’innesto!
La mia solita composta è prevalentemente di tipo minerale quindi liberare la pianta dal terriccio è stato facile e senza rischio; ho trovato le radici ben distribuite a raggiera e non è stato impegnativo eliminare quelle filamentose o suberificate: non mi resta attendere ora che cicatrizzino quelle appena più spesse, lasciar passare ancora una settimana e provvedere infine al nuovo rinvaso.
Ho pensato di fotografarla in una visione rotatoria, partendo dal corpo Ariocarpus, per poi evidenziarne soprattutto la sua propaggine chimerica che presenta le caratteristiche miste dei due cloni primari: l’Ario con le sue foglie carnose trasformato gradualmente nella tonda e spinosa propaggine con evidenti sembianze dell’Echinopsis.
Devo lasciarvi, mi chiamano altre piante che ho da rinvasare, anche queste crestate. E’ la mia festa di fine anno.
Adolfo
DSCN0309.JPG
DSCN0312.JPG
DSCN0313.JPG
DSCN0314.JPG
DSCN0315.JPG
DSCN0316.JPG
DSCN0317.JPG
DSCN0319.JPG
DSCN0320.JPG
DSCN0321.JPG
Avatar utente
adolfo appierto
 
Messaggi: 379
Iscritto il: 02/05/2010, 19:04
Località: milano

Re: Rinvasando la mia Chimera

Messaggioda mauro » 01/01/2016, 13:39

ciao Adolfo..intanto Buon Anno
e poi veramente incredibile reportage...ho fatto molto fatica a comprendere il concetto.ma queste foto ingrandite di schiena mi rendono semplice capire la trasformazione e la fusione avvenuta
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano

Re: Rinvasando la mia Chimera

Messaggioda angelo » 01/01/2016, 17:09

curioso notare che mentre l'ariocarpus ha mantenuto intatti i suoi tessuti esterni, l'echinopsis ha suberificato fino a far scomparire quasi il colore del fusto.Dominanza genetica del primo? :)
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Rinvasando la mia Chimera

Messaggioda maristella » 26/02/2016, 8:00

Quando lasciamo fare, la natura ci stupisce sempre! Bellissimo reportage Adolfo........anche tu ci stupisci sempre!! :) :)
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Rinvasando la mia Chimera

Messaggioda marco » 26/02/2016, 9:48

Gran bella pianta Adolfo, ero presente all'acquisto e mi ricordo ancora la trattativa estenuante che hai dovuto sostenere con Polo perchè acconsentisse alla cessione di quella meraviglia cui solo lui poteva avere la capacità di coltivare; finchè non è passata dalle sue mani esperte alle tue :D :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Rinvasando la mia Chimera

Messaggioda adolfo appierto » 26/02/2016, 12:26

Eh si, è stato un bel momento. Eravamo in tanti, entusiasti, "goliardici" e devo dire che il tifo che avevo alle spalle ha deciso l'amichevole scelta di Panarotto nell'affidarmi questa pianta (avrebbe sicuramente potuto chiedere di più ad altri!). Vero quello che dici, vero che i mezzi d'iformazione si sono moltiplicati, ma quanto si scrive su di un Forum non è limitato o esclusivo ma ampio riguardo l'immissione di immagini, le discussioni e soprattutto utile nell'informazione delle diverse modalità di coltivazione.
Avatar utente
adolfo appierto
 
Messaggi: 379
Iscritto il: 02/05/2010, 19:04
Località: milano

Re: Rinvasando la mia Chimera

Messaggioda marco » 26/02/2016, 13:29

Adolfo sul forum rimane tutto mentre sulle nuove piattaforme tutto col tempo scompare cmq si possono qualificare anche quelle piattaforme, dipende da chi scrive da chi le gestisce e come vengono gestite certo che la platea è molto ma molto vasta dire a livello planetario :D

PS: per i preparativi e i suggerimenti cmq se guardi in note di coltivazione ci sono diversi nuovi topic
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985


Torna a Cactus

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti