Consigli per i miei rigidissimi

Tutto ciò che riguarda la coltivazione di cactus e succulente

Consigli per i miei rigidissimi

Messaggioda Melethiel » 26/05/2015, 13:26

Come d'accordo con Angelo posto qui le foto dei miei tre rigidissimi :D nella speranza di ricevere qualche consiglio di coltivazione.
Riporto le info dall'altro topic:
Il primo ce l'ho da agosto dell'anno scorso, l'ho svasato subito, pulito completamente le radici e rinvasato dopo qualche giorno di riposo. Da allora è dimagrito, come da manuale, ma anche dopo la ripresa delle innaffiature non ha ripreso a vegetare.
Il rubispinus piccolo è con me da febbraio, e idem come sopra: subito svasato e pulito a fondo, rinvasato, e... niente: per il momento non è dimagrito molto, ma neanche cresce...
Approfittando della pulizia e del rinvaso dell'ultimo arrivato (il terzo) ho svasato anche i primi due per controllare lo stato delle radici: sono sane, nessuna secca, piuttosto sviluppate, e senza parassiti (almeno visibili).
Mi diceva Angelo che forse il terriccio è troppo ricco, io uso una composizione 40-60, ovvero 40% inerti grossi e 60% terra mista a sabbia di granulometria media (forse sarebbe più corretto definirla 30-70?). Gli altri echini che ho ci si trovano bene, crescono, questi invece non ne vogliono sapere...
Ah, come da precedenti consigli li tengo in pieno sole, e al momento li innaffio ogni due settimane circa.
Morale della favola: non so più cosa fare! :wall: :wall: :wall:
Allego foto delle piante, visione del fusto e relativi apici.

E. rigidissimus (1).JPG

E. rigidissimus (2).JPG
Quel nero sull'apice sono solo dei granelli di terra che si sono incastrati tra le spine quando ho spostato il vaso, già tolti, l'epidermide sotto è verde. :)

E. rigidissimus v. rubispinus1 (1).JPG

E. rigidissimus v. rubispinus1 (2).JPG

E. rigidissimus v. rubispinus2 (1).JPG

E. rigidissimus v. rubispinus2 (2).JPG
Valentina

L'altra mia passione... http://intessendoantichetrame.blogspot.it/
Avatar utente
Melethiel
 
Messaggi: 239
Iscritto il: 21/08/2014, 17:22
Località: CN
Coltivo dal: 2010

Re: Consigli per i miei rigidissimi

Messaggioda angelo » 26/05/2015, 15:31

Il rigidissimus, più lento nella crescita rispetto alla sua ssp. Rubispinus ,togliendo il 'naturale' calo post acquisto, sembra aver ha avuto problemi di idratazione. Non so cosa intendi per inerti grossi come % di granulometria ma se oltre i 4mm uniti ad un apparato radicale poco sviluppato,possono creare le problemariche di cui sopra. Considera che il rigidissimus ha una apparato radicale fascicolato e non esige inerti di dimensioni generose poiché la pianta potrebbe avere difficoltà di ancoraggio e idratamento.

Terra: cosa intendi? Che tipo? Che granulometria?

Ultimo: le piante acquistate nei vivai difficilmente sono esposti alla luce solare ed esponendoli direttamente specie nei primi mesi, soffriranno tale situazione per cui è preferibile ombreggiarli leggermente o spostarli in zona luminosa ma non soleggiata. Almeno fin quando accennerà segni di ripresa.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9899
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Consigli per i miei rigidissimi

Messaggioda Melethiel » 26/05/2015, 21:14

Dunque... con inerti grossi intendo più che altro lapillo di 5-6 mm. Onestamente non ho idea della granulometria della terra, né di preciso di che tipo di terriccio sia. Non sono così scrupolosa, non ne ho mai sentito la necessità, e coltivando più che altro echinopsis e rebuzie non ho mai avuto problemi.
Quanto all'esposizione, tutte le piante, comprese queste, sono ombreggiate nelle ore centrali del giorno, e aspetto sempre parecchio prima di fargli prendere il sole diretto (questo significa che l'ultimo arrivato non ha ancora preso sole, solo luce), sia da nuove che dopo il riposo invernale in serra fredda.
Insomma, gli altri cactus, echinocerei compresi, nelle stesse condizioni crescono, una talea minuscola di pentalophus ha persino un bocciolo, mentre questi due no. :cry:
Valentina

L'altra mia passione... http://intessendoantichetrame.blogspot.it/
Avatar utente
Melethiel
 
Messaggi: 239
Iscritto il: 21/08/2014, 17:22
Località: CN
Coltivo dal: 2010

Re: Consigli per i miei rigidissimi

Messaggioda angelo » 27/05/2015, 7:53

come ho già scritto i rigidissimus sono più lenti nella crescita ma anche meno propensi alla fioritura se non raggiungono la forza da fiore. Porta pazienza e avrai i risultati che cerchi :)
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9899
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Consigli per i miei rigidissimi

Messaggioda Melethiel » 02/06/2015, 14:36

Grazie Angelo, vedrò come procedono, e ti terrò aggiornato! :yes:
Valentina

L'altra mia passione... http://intessendoantichetrame.blogspot.it/
Avatar utente
Melethiel
 
Messaggi: 239
Iscritto il: 21/08/2014, 17:22
Località: CN
Coltivo dal: 2010


Torna a Note di coltivazione

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti