Strani innesti

Tutto ciò che riguarda la coltivazione di cactus e succulente

Strani innesti

Messaggioda marco » 13/10/2018, 11:21

Non amo particolarmente innestare ma ho imparato a farlo per utilizzare questa tecnica iportante in caso di guai, come potrebbe essere il salvataggio di una pianta oppure la moltiplicazione veloce di piante a crescita molto lenta.
In questo periodo poi si scoprono piante che a causa dell'abbasamento delle temperature e l'innalzamento dell'umidità, presentano marciumi che hanno intaccato parti delle stesse, oppure nei ritiri in serra si scoprono anomalie o maldestramente si causano rotture che è sempre bene innestare cogliendo l'occasione per moltiplicare piante particolari.
In questo caso mi riferisco ad una Mammillaria luethyi il cui corpo aereo è seccato lasciando verde il colletto e la radice integra e un tubercolo di Astrophytum caput medusae che si è staccato dopo l'urto con la piantana dello scaffale. Allora si tenta di salvare il salvabile e dato che ho un buon numero di Harrisia jiusbertii che uso come porta innesti, si taglia e si attacca.
Come potete vedere ho innestato la radice della M. luethyi a testa in giù e il tubercolo di A. caputmedusae. Chissà se riuscirò a trarre qualche piantina da fare riaffrancare in un secondo momento.
001Innesto_radice_di M. luethyi_©M.S_2018 (Large).JPG
Innesto di radice di Mammillaria luethyi
002Innesto_tubercolo_Asto._caput_medusae_©M.S_2018 (Large).JPG
Innesto in piedi di tubercolo di Astrophytum caput medusae
032Innesto_tubercolo_Asto._caput_medusae_©M.S_2018 (Large).JPG
Innesto sdraiato tagliando lateralmente e per il lungo tubercolo di Astrophytum caput medusae
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8443
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Strani innesti

Messaggioda angelo » 13/10/2018, 11:30

Marco,strani si ma non per questo a volte efficaci. Ricordo di qualche innesto simile che ha avuto un buon esito. Attenderemo questo. :)
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9898
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Strani innesti

Messaggioda marco » 14/10/2018, 11:03

Angelo per quanto riguarda la radce di Mammillaria Luethyi è una tecnica adottatta anche per il genere Ariocarpus. Spero dia buoni risultati e cmq come sai , a noi piace sperimentare :D :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8443
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Strani innesti

Messaggioda marco » 25/10/2018, 14:31

Aggiornamento.
Purtroppo gli strani innesti non sono attecchiti. :oops:
La radice della M. Luethyi si è sollevata dal porta innesto.
L'ho quindi ripiantata dato che la parte radicale è sana e anche il colletto non ha subito danni apparenti. Tenterò di tirar fuori una nuva pianta o più polloni di M. luethyi
I due pezzetti di A. caput medusae invece sono seccati sul portainnesto quindi li ho gettati. :-(
Anche l'apice del tubercolo di A caput medusae (un pezzo lungo 10 cm circa)che avevo innestato il giorno dopo aver fatto le foto si è sollevato dal porta innesto.
Ho quindi spamato la parte tagliata con mancozeb ed ormone radicante disciolti in pastella con alcool denaturato e l'ho piantato in terriccio con la parte superficiale in pomice per favorire il radicamento.
Sia il vaso della radice di M. luethyi, sia quello dell'apice del tubercolo di A caput medusae li ho bagnati e portati in casa, davanti al finestrone della scala inondato di luce dalle 13 al tramonto.
Le Harrisia jusberti usate per porta innesti sono in serra calda. a primavera emetteranno dei uovi rami da staccare e fare radicare per nuovi porta innesti.
Il solito concetto è che non si butta mai nulla e finchè c'è vita c'è speranza :mrgreen:
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8443
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985


Torna a Note di coltivazione

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron