Acanthocalycium thionantum.

Per chi cerca consigli sui problemi legati alle patologie delle nostre piante

Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda ange » 25/09/2012, 11:27

Al tatto non mi sembra molle, nella parte scura, cosa può essere?
Devo intervenire e in che modo?
Grazie, ciao.
Immagine 014 (Small).jpg
Enzo
"è meglio tacere e sembrare stupidi, che aprire bocca e togliere ogni dubbio" (M. Twain)
Avatar utente
ange
 
Messaggi: 408
Iscritto il: 20/05/2010, 14:54
Località: Zena
Coltivo dal: 1985

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda angelo » 25/09/2012, 18:07

a prima vista sembra qualcosa di serio.la parte apicale sembrerebbe una malattia funginea.Con uno spiedino puoi constatare le condizioni dello strato esterno?
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda ange » 25/09/2012, 18:33

Ho tastato l'apice con uno stuzzicadenti, è sodo, ho provato a infilarlo in quei
segni neri che sembrano buchi, ma non lo sono, è sodo anche lì!
Che faccio? Ciao.
Enzo
"è meglio tacere e sembrare stupidi, che aprire bocca e togliere ogni dubbio" (M. Twain)
Avatar utente
ange
 
Messaggi: 408
Iscritto il: 20/05/2010, 14:54
Località: Zena
Coltivo dal: 1985

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda angelo » 25/09/2012, 18:39

che faccio? bella domanda...
difficile controllare esattamente in varie parti la consistenza del fusto visto le numerose spine che lo ricoprono, altrettanto difficile dev'essere se si vuol intervenire, in caso di aggravio della parte interessata, per lo stesso motivo.
il nero è accompagnato da polvere dello stesso colore o grigiastra?
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda ange » 25/09/2012, 18:49

Non mi "sembra" che ci sia polvere, comunque è più
grigiastra che nera!
Enzo
"è meglio tacere e sembrare stupidi, che aprire bocca e togliere ogni dubbio" (M. Twain)
Avatar utente
ange
 
Messaggi: 408
Iscritto il: 20/05/2010, 14:54
Località: Zena
Coltivo dal: 1985

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda angelo » 26/09/2012, 9:17

potrebbe essere un'attacco di Helminthosporium cactivorum , un fungo che si sviluppa maggiormante in condizioni di alta umidità e bassa circolazione di aria. Spesso inizia con macchie clorotiche all'apice che si evolvono in marciumi più o meno molli.Avolte copisce solo una parte ma in altri casi potrebbe essere tutta la pianta a rischiare.
Prova a utilizza re un prodotto a base di iprodione o procloraz ed elimina cmq le cause.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda ange » 26/09/2012, 10:32

Grazie Angelo, ci proverò!
Ciao.
Enzo
"è meglio tacere e sembrare stupidi, che aprire bocca e togliere ogni dubbio" (M. Twain)
Avatar utente
ange
 
Messaggi: 408
Iscritto il: 20/05/2010, 14:54
Località: Zena
Coltivo dal: 1985

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda maristella » 26/09/2012, 12:29

angelo ha scritto:potrebbe essere un'attacco di Helminthosporium cactivorum , un fungo che si sviluppa maggiormante in condizioni di alta umidità e bassa circolazione di aria. Spesso inizia con macchie clorotiche all'apice che si evolvono in marciumi più o meno molli.Avolte copisce solo una parte ma in altri casi potrebbe essere tutta la pianta a rischiare.
Prova a utilizza re un prodotto a base di iprodione o procloraz ed elimina cmq le cause.


Miiiiiii che mito....... :o ma quante ne sai Angelo!! Il salvatore delle nostre cicce!!! :)
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda angelo » 26/09/2012, 12:39

Mary, magari fossi il salvatore di tutte ma anche delle mie piante. Purtroppo con queste malattie sempre difficile risalire alle vere cause e soprattutto trovare un vero e risoluto rimedio nell'indovinare il problema attraverso una foto.
il più delle volte si va a "tantuna"(x tentativi), a volte quando meno te lo aspetti, la pianta con le sue forze risce a risolvere in totale autonomia.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda calimera » 04/10/2012, 9:21

Quoto maristella,
sono rimasta piacevolmente sorpresa da tanta sapienza, e mi ha dato una certa sicurezza :)
mi spiace per An-zo, speriamo si risolva presto :wink:
Avatar utente
calimera
 
Messaggi: 2027
Iscritto il: 23/07/2010, 15:26
Località: genova
Coltivo dal: 2010

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda Diego » 16/10/2012, 16:39

Il fungo responsabile era l'Helmintosporium.
è bello condividere un Hobby con gli amici
Avatar utente
Diego
 
Messaggi: 259
Iscritto il: 19/04/2010, 13:36
Località: Realmonte

Re: Acanthocalycium thionantum.

Messaggioda angelo » 13/11/2012, 13:41

com'è finita? :)
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005


Torna a Malattie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite