Azadiractina

Per chi cerca consigli sui problemi legati alle patologie delle nostre piante

Re: Azadiractina

Messaggioda marco » 28/01/2012, 16:07

Certamente il flaccone da un litro che ha postato Angelo è molto piu vantaggioso ma se non cè la possibilità di dividere il contenuto tra vari coltivatori allora si possono acquistare confezioni da 15 o 75 ml, ovviamente i costi sono piu alti ma non proibitivi.
Ho acquistato il Neemazal TS confezione da 75ml prezzo € 12,70 in una serra vicino a Varese dalle parti di Gavirate se vi interessa vedo di reperire il nome,
Inoltre anche Ingegnoli di Milano lo ha in Catalogo sempre confezioni da 15 e 75 ml e Ingegnoli vende anche per corrispondenza
Non so quanto chieda per la spedizione ma chi è interessato lo potrebbe contattare o consultare il catalogo
http://www.ingegnoli.it/negozio/index.p ... inare.html
E poi x chi coltiva l'orto Ingegnoli ha ottime semenze mi sono servito da loro per anni :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Azadiractina

Messaggioda mauro » 30/01/2012, 14:13

ciao confermo che le confezioni sono a portata di mano, la catena Viridea a Rho MI, lo tiene da parte al Confidor :)
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano

Re: Azadiractina

Messaggioda angelo » 30/01/2012, 17:10

Groucho ha scritto:Ciao Angelo, approfitto per chiederti se questo insetticida si può usare anche per altre piante, ad esempio gli agrumi su cui ho molti più problemi di cocci che non con le cactacee. E se dopo si possono mangiare i frutti. Davvero non è tossico per noi e gli animali???
Sarebbe una manna!!

MWSnap181.jpg

MWSnap182.jpg

ciao Daniele, quanto sopra è preso direttamente dal pdf del prodotto(dopo il link,clicca su etichetta confezione).il fatto che sia innocuo per le api è molto significativo.L'importante è rispettare sempre il periodo di carenza.Ricordati che in ogni caso funziona da preventivo e non ha alcuna azione abbattente sugli insetti adulti ma solo sulle larve.
Se vuoi andare ancora di più sul naturale, procurati delle larve di Cryptolaemus montrouzieri ,antagonista naturale delle cocciniglie.
Ripeto, alcuni lo indicano come avente azione anche sulle cocciniglie, nel pdf questa affermazione non c'è, ma ha un forte azione sullo sviluppo delle larve di molti insetti per cui dovrebbe avere effetto anche su di esse.
Ritornando all'edulità dei prodotti: tiene presente che quello che si compra all'ortofrutta, al 99% è trattato con insetticidi chimici per cui.....

Lillo,l'utilizzo di acqua a Ph inferiore a 7 è elencato anche nel pdf del prodotto, probabilmente in abbinamento all'acqua di rubinetto che mai è neutra, il ph si alza riducendone la sue efficacia.La stessa cosa succede con i concimi "neutri" i cui macro e microelementi rimangono insolubili o parzialmente tali perchè si altera il ph e quindi la solubilizzazione degli stessi.In ogni caso per avere maggiori benedici e meno sprechi, è meglio misurare cio'.
Non ricordo se l'ho misurato a soluzione preparata. Nel caso appena lo faro' metterò i dati.
Non so che ph raggiunge l'acqua da osmosi ma con un semplice kit d acquariologia,si testa con facilità.


vento82 ha scritto:.... Ho alcune piante svasate che presentano cocciniglia e volevo provare a fare dei trattamenti con questo prodotto finchè sono svasate...
se hai le piante svasate, ti è più facile usare il reldan con una buona nebulizzata(dosi 3mlxL) e per il momento vai sul sicuro.
Poi a rinvaso effettuato e con condizioni climatiche idonee, puoi incominciare a prevenire usando l'azadiractina anche alla prima innaffiatura.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Azadiractina

Messaggioda Mizar » 10/02/2012, 23:35

Molto interessante Angelo, penso che la proverò anch'io :wink:
Non ho però capito se è sistemica o agisce per contatto :hmm:

Ciao :)
Mauro
Avatar utente
Mizar
 
Messaggi: 469
Iscritto il: 17/05/2010, 11:27
Località: Palermo
Coltivo dal: 1987

Re: Azadiractina

Messaggioda Carriego » 11/02/2012, 14:01

Si trova anche su **bay, in tre formati.
Sono passato prima per l'agraria vicina a casa ..per prenotare una bottiglietta da 100ml (e sono tornato con un'altra forbice!).
In sede abbiamo un prodotto a base di olio di neem in tanniche da 5 litri, ma come dicevo l'odore è pessimo e la percent. di p.a. molto più bassa.
per rispondere a Mizar, dovrebbe avere un'azione traslaminare e per via radicale sistemica, sia pure moderata, almeno così mi risulta da breve ricerca in rete.
"Approdammo in un luogo che, se non fosse stato in Italia, sarebbe apparso orribile per l'abbandono in cui versava"
Frederic Eden
Avatar utente
Carriego
 
Messaggi: 555
Iscritto il: 18/04/2010, 22:43
Località: Vicenza

Re: Azadiractina

Messaggioda angelo » 11/02/2012, 14:23

Mauro,vedo che Simone ti ha già risposto.
l'azadiractina svolge una azione limitata sulle parte epigee della pianta ma svolge una azione di contatto contro gli insetti colpiti.
Diventa sistemico se dato alle radici e quindi veicolato in ogni parte della pianta. Poichè le cocciniglie più subdole e dannose sono quelle radicali è meglio adoperarlo nel terreno avendo cura di bagnarlo in ogni sua parte e soprattutto usare acqua a ph inferiore a 7, diversamente non si attiva o limita parecchio la sua azione.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Azadiractina

Messaggioda Mizar » 12/02/2012, 20:36

Simone, Angelo, grazie per le info :)

Ho dato una occhiata al pdf dell'etichetta e la fitotossicità per l'Euphorbia pulcherrima mi lascia perplesso :hmm: ... ovviamente, non essendo un prodotto specifico per succulente, nulla viene detto circa la fitotossicità con le euphorbie succulente e la raccomandazione di testare il prodotto prima su superfici ridotte non ha molto senso volendo usare il prodotto per irrigare le piante da trattare! Angelo, tu lo hai già provato con le Euphorbie succulente?
Se il prodotto si dimostrasse realmente efficace contro le cocci radicali sarebbe utilissimo per prevenire le infestazioni soprattutto per quelle piante, tipo Ariocarpus, che non gradiscono troppe "manipolazioni" alle radici... però, anche in questo caso, vi sono notizie sulla fitotossicità con gli ario?

Ciao :)
Mauro
Avatar utente
Mizar
 
Messaggi: 469
Iscritto il: 17/05/2010, 11:27
Località: Palermo
Coltivo dal: 1987

Re: Azadiractina

Messaggioda angelo » 13/02/2012, 11:39

la dicitura puo' risultare fitotossico... è posta in gran parte dei fitofarmaci un po' come nel farmaci ad uso umano in cui... attenzione puo' causare disturbi nocivi gravi.
in entrambi i casi le case produttrici si mettono al riparo da eventuali problemi che dovessero sorgere ed è corretto che mettano delle avvertenze.
Il fatto che non tutte le piante siano citate è normale, se così fosse metterebbero un'etichetta chimometrica. Riguardo alle specie che hanno avuto problemi di fitotossicità, è probabile che siano specie delicate e che abbiano avuto quei risultati negativi con prove effettuate nelle superficie del fusto.
Anche a me è capitato un effetto di fitotossicità con un ferocactus cui ho usato un rameico mentre altre specie non ne hanno minimamente sofferto.
Ho provato l'azadiractina su euphorbia waringiae,phillipsiae e stellata; al momento non hanno avuta alcuna reazione.
Se il prodotto dovesse funzionare egregiamente, si rivelerà un'ottimo aiuto per la coltivazione e soprattutto per la nostra salute.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Azadiractina

Messaggioda Mizar » 15/02/2012, 23:30

Per curiosità Angelo, su che specie di fero hai riscontrato la fitotossicità del rameico? E come si è manifestata?
Scusate il piccolo OT :)

Ciao :)
Mauro
Avatar utente
Mizar
 
Messaggi: 469
Iscritto il: 17/05/2010, 11:27
Località: Palermo
Coltivo dal: 1987

Re: Azadiractina

Messaggioda angelo » 16/02/2012, 13:35

su un ferocactus stainesi,Mauro.I danni li puoi vedere de visu
ridimensionateP1080009.jpg

in ogni caso, un solo esemplare puo' anche non poter dire nulla, potrebbe anche essere stata una reazione individuale.
Non avendo usato altri prodotti su di esso ma solo il rameico, almeno fin'ora il maggior indiziato è lui.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Azadiractina

Messaggioda Mizar » 18/02/2012, 22:49

Ma il danno si è verificato solo nel punto visibile nella foto?
Penso che tu abbia somministrato il rameico a tutta la pianta e quindi mi sarei aspettato una reazione tossica non limitata ad un solo punto :hmm:

Stavo pensando che si potrebbe creare un topic apposito nel quale descrivere gli episodi di fitotossicità riscontrati, potrebbe essere utile a molti :wink:

Ciao :)
Mauro
Avatar utente
Mizar
 
Messaggi: 469
Iscritto il: 17/05/2010, 11:27
Località: Palermo
Coltivo dal: 1987

Re: Azadiractina

Messaggioda angelo » 19/02/2012, 12:53

si, solo la parte che vedi. probabilmente + sensibile delle altri ma ripeto puo' essere stato un caso e un solo esemplare non fa testo. solitamente episodi di fitotossicità si presentano in questo modo.
il topic che auspichi esiste già, eccolo
se ognuno mettesse le sue esperienze negative, sarebbe utilissimo.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Azadiractina

Messaggioda Mizar » 22/04/2012, 22:10

Come procede la sperimentazione di questo prodotto?
Svasando alcune piante ho trovato, purtroppo, una infestazione delle maledette cocci radicali :-(
pensavo di usarlo per tutte le altre piante... ha senso oppure ormai è tardi visto che non agisce sugli adulti? (alcune piante già sono state innaffiate, altre, tipo gli ario, ancora non hanno visto un goccio d'acqua).
Sugli ario in particolare l'avete usato?
Che concentrazione avete usato?

Grazie e ciao :)
Mauro
Avatar utente
Mizar
 
Messaggi: 469
Iscritto il: 17/05/2010, 11:27
Località: Palermo
Coltivo dal: 1987

Re: Azadiractina

Messaggioda angelo » 23/04/2012, 10:52

ciao Mauro, nessun problema sulle cactacee fino a adesso. Conto di utilizzarlo tra circa 1 mese o se le temp. si innalzeranno abbondantemente prima visto che a maggio si hanno infestazioni maggiori di cocciniglia.
L'ho anche utilizzato sugli ario, le dosi sono riportate in etichetta cmq 3ml x litro, se ricordo bene.
l'utilizzo inziale è stato fatto per debellare le forme giovanili e le uova, dopo ho usato un insetticida per eliminare eventuali presenze di insetti adulti.
Dopodichè utilizzero' solo l'azadiractina in modo preventivo ma a dosi di 2mlxL, sempre con acqua a Ph inferiore a 7.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Azadiractina

Messaggioda Diego » 23/04/2012, 17:51

L'azadiractina, mentre sulle neanidi agisce come regolatore di crescita, sugli adulti possiede un'azione di tipo fagodeterrente e diminuisce la fertilità degli stessi e la la percentuale di schiusa delle uova.
Da segnalare anche che ha azione nematocida e migliora la microbiologia del terreno stimolando funghi e batteri utili.

Recentemente Dante ha segnalato il Teppeki, insetticida sistemico a base di Flonicamid che sapevo attivo solo su Afidi e Mosche bianche.
Qui trovate la scheda del prodotto che può essere alternato all'azadiractina.: :)
http://www.belchim.com/pdf/IT/guideT_ITA_Web.pdf
Ciao
è bello condividere un Hobby con gli amici
Avatar utente
Diego
 
Messaggi: 259
Iscritto il: 19/04/2010, 13:36
Località: Realmonte

Re: Azadiractina

Messaggioda Mizar » 23/04/2012, 22:33

Angelo. Diego, grazie per le info (ho scaricato il pdf, me lo leggerò con calma :wink: ).

Angelo, vediamo se ho ben capito come hai operato: hai dato una prima innaffiata a tutte le piante con la soluzione di Neemazal alla concentrazione di 3ml/l, poi, per eliminare anche gli adulti, hai usato un insetticida specifico (posso chiederti quale, visto che entrambi abbiamo constatato che il Reldan 22 somministrato tramite innaffiatura produce scarsissimi risultati), quindi innaffierai con la soluzione di Neemazal alla concentrazione di 2ml/l a scopo preventivo. Giusto?

Ciao :)
Mauro
Avatar utente
Mizar
 
Messaggi: 469
Iscritto il: 17/05/2010, 11:27
Località: Palermo
Coltivo dal: 1987

Re: Azadiractina

Messaggioda angelo » 24/04/2012, 9:31

si MAuro, la procedura è quella che hai descritto.
quanto all'insetticida ne uso uno a p.a. fenitrothion(il prodotto commeciale è il Feniter) ma è ormai fuori commercio anche se cmq funziona bene.me l'ha consgiliato Diego2 anni fa :)

Diego, ho letto velocemente il pdf.quel prodotto è specifico per gli afidi anche se in liena di massima agisce sugli insetti ad apparato boccale succhiatore ma specifica anche che non controlla acari, coleotteri e ditteri cui se non erro appartengono le cocciniglie.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Azadiractina

Messaggioda Diego » 24/04/2012, 18:19

angelo ha scritto:Diego, ho letto velocemente il pdf.quel prodotto è specifico per gli afidi anche se in liena di massima agisce sugli insetti ad apparato boccale succhiatore ma specifica anche che non controlla acari, coleotteri e ditteri cui se non erro appartengono le cocciniglie.

Le cocciniglie appartengono allo stesso ordine degli Afidi e delle mosche bianche (Bemisia tabaci e Aleurothrixus floccosus).
Degli insetti che normalmente attaccano le succulente non controlla solo gli Sciaridi.
Per l'Azadiractina ribadisco che sugli adulti agisce
1- come fagodeterrente (le cocciniglie adulte non si nutrono più e si staccano dalle piante e sucessivamente muoiono),
2- ne diminuisce la fertilità,
3- diminuisce la percentuale di schiusa delle uova. :)
Ciao
è bello condividere un Hobby con gli amici
Avatar utente
Diego
 
Messaggi: 259
Iscritto il: 19/04/2010, 13:36
Località: Realmonte

Precedente

Torna a Malattie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite