conservazione prodotti per la difesa delle piante

Per chi cerca consigli sui problemi legati alle patologie delle nostre piante

conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda Rone69 » 11/10/2010, 21:08

Ciao a tutti.
Come molti di voi sono in possesso di prodotti chimici antiparassitari, anticrittogamici e per la concimazione, in formulazione liquida e o in polvere, pronti all'uso o da preparare, ultimamente vedendo la mia 'farmacia' aumentare di dimensioni, mi sono chiesto per quanto tempo sia corretto conservare questi prodotti una volta aperti e quale sia il modo più corretto per farlo, qual'è la regola per i prodotti in polvere? e per i prodotti liquidi? per quelli pronti all'uso? ......
Voi quali regole seguite?
Grazie
Mauro


PS:
Spero di avere postato nella sezione giusta
Rone69
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 26/05/2010, 13:49
Località: faenza
Coltivo dal: 2007

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda Astromarcus » 12/10/2010, 10:52

Ciao Mauro,
argomento interessante!
Non so cosa rispondere, attendo come te argomentazioni dai più esperti.
A mio parere per i prodotti in polvere in teoria non dovrebbe esserci scadenza, basta conservarli in ambiente chiuso, non ventilato o umido. Io ad esempio li ho messi sotto vetro.
Per i liquidi... :hmm: me lo sono chiesto sempre anche io..
Se diluisco il reldan 22 in acqua come solito... per quanto tempo e a quali condizioni posso conservarlo diluito?
Avatar utente
Astromarcus
 
Messaggi: 212
Iscritto il: 29/04/2010, 12:42
Località: Lodi
Coltivo dal: 2004

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda angelo » 12/10/2010, 12:11

le date di scadenza, ove presenti prevedono tutti la stessa raccomandazione:confezioni chiuse, tenerli in luoghi al buio,aerati e privi di umidità. nel caso di assenza della data di scadenza dovranno seguire le indicazioni precedenti oltre ad essere tenute costantemente sotto chiave in un luogo inaccessibile sia da bambini che da adulti. Mi sembra ragionevole pensare che per l'uso che noi ne facciamo e cioè modestissime quantità a fronte di confezioni che spesso si attestano sul litro o Kg. la stessa già dopo i primi 2 anni anche se perfettamente conservata, inizia a perdere efficacia, a volte facendo diventare il trattamento completamente inutile.In queste occasioni é consigliabile, se possibile fare un'acquisto comune con un amico e dividere il prodotto.
Quelli in polvere credo si deteriorino maggiormente a causa della loro struttura granulare cui presentano una estrema facilità ad essere penetrati dall'aria e dall'umidità.
Quelli Liquidi non pronti, un po' meno.
in ogni caso, rispondendo all'ultimo quesito: i prodotti preparati già dopo 15-20 gg perdono efficacia ecco perchè si consiglia di preparare solo la dose che serve al momento.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda Astromarcus » 12/10/2010, 18:31

Ciao Angelo,
grazie! Praticamente il contrariodi quanto supponevo! :lol:

Ricordo a tutti che gli avanzi andrebbero smaltiti in discarica.
Dico "dovrebbe" perchè al mio paese mi hanno guardato strano, avevo si e no mezzo litro di reldan, mi han detto che non hanno contenitori per tali sostanze.. :shock:
Avatar utente
Astromarcus
 
Messaggi: 212
Iscritto il: 29/04/2010, 12:42
Località: Lodi
Coltivo dal: 2004

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda angelo » 12/10/2010, 21:09

Astromarcus ha scritto:...Ricordo a tutti che gli avanzi andrebbero smaltiti in discarica.
....
non è un buon consiglio, cosi' rischiamo di avvelenarci + di quanto non lo siamo già con quello che gira nell'aria.
Vero è che in moltissimi comuni non sono attrezzati per questo tipo di rifiuti considerati speciali ma per smaltirli nella maniera + efficacia,il contenitore va risciacquato + volte e utilizzato tal quale fino a che non rimarrà neanche l'odore del p.a.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda Pat » 13/10/2010, 0:39

Astro, al mio paese mi han chiesto cosa sono :o ed al mio paese natio dove nel sito internet diceva di avere un contenitore apposito, mi han chiesto lo stesso cosa sono, e poi me l'han fatto mettere negli ingombranti :shock: quindi adesso li metto in bottiglie di plastica e via nel sacco nero.
26-02-2012 ... 4 pappine alla Roma....... che giornata :twisted:
07-04-2013 ..... 4 pappine anche all'Inter ...... che goduria :twisted:
11-05-214 ...... 2 pappine al Milan :urra:
Avatar utente
Pat
 
Messaggi: 3281
Iscritto il: 19/04/2010, 20:20
Località: Bassa valseriana 350 slm (BG)
Coltivo dal: 2003

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda Astromarcus » 13/10/2010, 10:01

Quoto Pat.
Angelo scusa ma non ho capito :hmm:
Certo i contenitori li sciaquo ma.. Se mi avanza un litro di antiparassitario.... dove lo butto?
Nel lavandino o nel water? Non è peggio a livello di inquinamento ambientale?
Avatar utente
Astromarcus
 
Messaggi: 212
Iscritto il: 29/04/2010, 12:42
Località: Lodi
Coltivo dal: 2004

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda angelo » 13/10/2010, 10:38

beh, se ti avanza un litro significa che non lo hai mai utilizzato visto che le confezioni si aggirano sempre su quella quantità a meno che hai comprato quello da 5 litri.Quanto allo smaltimento è un serio problema di certo non dovrebbe essere smaltito in nessuna delle ipotesi dette, l'unica soluzione è quella dell'utilizzo totale.Non so se alcuni consorzi attivano questa procedura oppure occorre informarsi se nelle zone limitrofe hanno un servizio specifico.
oppure si potrebbe prendere un contenitore plastico con della sabbia in cui versare il prodotto che si volatilizzerà lentamente creando, credo, un minor impatto ambientale.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda Astromarcus » 13/10/2010, 11:31

Ciao Angelo,
Intendevo un litro già diluito! L'avanzo delle innaffiature.. :)
Capisco essere davvero poca cosa, era giusto per sollevare il discorso che mi sembra importante.
Comunque risolvo dandolo in pasto ai poveri gerani.. :|
Avatar utente
Astromarcus
 
Messaggi: 212
Iscritto il: 29/04/2010, 12:42
Località: Lodi
Coltivo dal: 2004

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda Rone69 » 13/10/2010, 12:50

Un agrotecnico mi ha consigliato di disperdere nel terreno i prodotti residui, in tal modo il prodotto fa il suo percorso senza andare direttamente nelle acque deile falde o dei fiumi ecc
Rone69
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 26/05/2010, 13:49
Località: faenza
Coltivo dal: 2007

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda angelo » 13/10/2010, 19:29

Astromarcus ha scritto:Ciao Angelo,
Intendevo un litro già diluito! L'avanzo delle innaffiature.. :)
..

adesso è + chiaro. cmq è opportuno dosare solo la quantità che si intende utilizzare. a tal proposito io uso una bottiglietta tipo quella da te evitando sprechi e facendo si che il prodotto non si deteriori perchè va consumato tutto.

Quanto al consiglio di disperdere fitofarmaci nel terreno non ho sentito peggior consiglio di questo.Nelle avvertenze delle etichette c'è proprio questo divieto. Tra i tanti, l'imidacloprid per intenderci il p.a. del confidor ed affini, in prove effettuate negli USA, dopo un'anno, nel terreno aveva la stessa concentrazione iniziale quindi facilmente veicolabile dalle piogge ed avversità varie andando a finire sempre nelle limitrofe falde acquifere o fiumi.
E' non è un caso che in Italia ne è stato vietato l'uso per la concia delle sementi di mais visto che è stato la principale causa di moria delle api.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: conservazione prodotti per la difesa delle piante

Messaggioda Rone69 » 13/10/2010, 20:04

angelo ha scritto:
Astromarcus ha scritto:Ciao Angelo,
Intendevo un litro già diluito! L'avanzo delle innaffiature.. :)
..

adesso è + chiaro. cmq è opportuno dosare solo la quantità che si intende utilizzare. a tal proposito io uso una bottiglietta tipo quella da te evitando sprechi e facendo si che il prodotto non si deteriori perchè va consumato tutto.

Quanto al consiglio di disperdere fitofarmaci nel terreno non ho sentito peggior consiglio di questo.Nelle avvertenze delle etichette c'è proprio questo divieto. Tra i tanti, l'imidacloprid per intenderci il p.a. del confidor ed affini, in prove effettuate negli USA, dopo un'anno, nel terreno aveva la stessa concentrazione iniziale quindi facilmente veicolabile dalle piogge ed avversità varie andando a finire sempre nelle limitrofe falde acquifere o fiumi.
E' non è un caso che in Italia ne è stato vietato l'uso per la concia delle sementi di mais visto che è stato la principale causa di moria delle api.



Quando rivedrò chi mi ha dato questo consiglio gli tirerò le orecchie ....
Rone69
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 26/05/2010, 13:49
Località: faenza
Coltivo dal: 2007


Torna a Malattie

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron