povere mammillarie

Per chi cerca consigli sui problemi legati alle patologie delle nostre piante

povere mammillarie

Messaggioda stefano.g » 17/06/2015, 23:20

ciao a tutti,
Mi sono deciso a svasare tre mammillarie che non davano più cenni di risveglio anche dopo la ripresa delle innaffiatura :-( . Ho notato che la prima a sinistra ha qualche traccia di cocciniglia, le altre appaiono con un normale apparato radicale. Sono state tutto l'inverno in serra fredda e in asciutta da ottobre dopo l’ultima bagnata con reldan. Non ho idea del perchè le abbia perse :hmm: , qualcuno può aiutarmi a capire?
grazie
mammi.jpg
stefano.g
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 28/05/2015, 13:51
Località: milano
Coltivo dal: 1996

Re: povere mammillarie

Messaggioda angelo » 18/06/2015, 16:15

La prima sembra compromessa. Le cocciniglie attaccano le radici succhiandone la linfa e facendo necrotizzare i tessuti compromettendoli Irrimediabilmente se non preso in tempo. Il reldan per mia esperienza, dato al terriccio non sortisce alcun effetto sulle cocciniglie benche meno sulle neanidi.
Nelle altre non si capisce bene dalle foto, non c'è alcun tessuto verde che si vede?
L'unica cosa che noto è un terriccio molto ricco,troppo forse :)
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9898
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: povere mammillarie

Messaggioda stefano.g » 18/06/2015, 17:07

"erano" una boolii, gaseriana e sheldonii acquistate nel 2012 ora sono rimaste solo le spine :-(
Il terriccio è quello originale non è mai stato sostituito.
Quindi quando è utile il reldan? devo aver fatto un po’ di confusione per l’utilizzo. :oops:
stefano.g
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 28/05/2015, 13:51
Località: milano
Coltivo dal: 1996

Re: povere mammillarie

Messaggioda angelo » 18/06/2015, 17:22

Peccato,erano delle piante dalle splendide fioriture. Come primo accorgimento nei miei pochissimi acquisti, ho sempre svasato le mie piante sia per ispezionare le radici ma principalmente per adattarlo alle mie esigenze climatiche e micro climatiche. I vivaisti hanno ben altre esigenze e interessi che non sono quelli di un hobbista. Probabilmente questi accorgimenti avrebbero potuto salvarle ma se ti può essere di conforto, di perdite ne abbiamo avuti tutti e tutti ne avremo.
Il reldan ha il suo maggior effetto per via aerea e solo nelle forme adulte delle cocciniglie. Considerato che é da un po' che è fuori commercio, c'è da capire se il prodotto se la molecola coi suoi coformulanti sia ancora efficiente.
Per entrambi i casi, il movento sc 48 é risultato essere un prodotto valido ,sempre che se ne faccia un uso oculato e se necessario.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9898
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: povere mammillarie

Messaggioda marco » 19/06/2015, 8:01

Sembrerebbe che le tue piante non si siano riprese dopo il riposo invernale e che lentamente si siano diseccate, sarebbe meglio alla prima bagnatura: aggiungere uno stimolante della ripresa (66f ) o altri equivalenti, per permettere una regolare ripresa delle stesse.
E' buona norma svasare subito le piante dopo l'acquisto, sia per eliminare la torba usata dai vivaisti per accelerare la crescita in modo da rendere vendibili le piante in breve tempo, sia per controllare le radici, sia per sostituirla con la propria composta usata per la coltivazione.
Per quanto riguarda il Reldan meglio sostituirlo col Movento 48 almeno finchè le piante sono in vegetazione e se usato va nebulizzato sulla parte aerea.
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8443
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: povere mammillarie

Messaggioda Diego » 19/06/2015, 15:21

Il Movento ha una buona persistenza nella pianta tanto che si possono fare i classici 2 trattamenti
- 1 alla ripresa vegetative e
- 1 prima del riposo invernale.
Nota: questo prodotto agisce principalmente sugli individui giovani, poichè gli impedisce la muta. La dose deve oscillare da 3 a 4,5 ml. litro, ma, come per tutti i fitofarmaci, provare sempre su piante campione per prevenire effetti fitotossici che potrebbero manifestarsi anche a distanza di qualche giorno. Quella più alta va scelta in caso di somministrazione con l'acqua di irrigazione. Il trattamento può essere ripetuto a distanza di 14 giorni.
Raccomandazione: non deve essere utilizzato in fioritura e con api in giro.
Ciao
è bello condividere un Hobby con gli amici
Avatar utente
Diego
 
Messaggi: 258
Iscritto il: 19/04/2010, 13:36
Località: Realmonte

Re: povere mammillarie

Messaggioda stefano.g » 19/06/2015, 17:22

Non ho mai considerato di svasare dopo l’acquisto :hmm: , è vero anche che uso del terriccio preso dagli stessi vivaisti e quindi non cambia molto, ma potrei aggiungere del minerale ... dovrò resettare diverse mie abitudini :D
Terminato il reldan passerò al Movento
grazie a tutti
stefano.g
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 28/05/2015, 13:51
Località: milano
Coltivo dal: 1996

Re: povere mammillarie

Messaggioda marco » 29/06/2015, 8:18

Svasare dopo l'acquisto è il modo migliore per cominciare bene la coltivazione delle piante acquistate di recente, ti permette di controllare eventuali infestazioni di parassiti e di vedere in che condizioni solno le radici.
Se hai bisogno di inerti per la composizione dei tuoi terricci dato che abiti nella zona di Milano non hai difficoltà nel procuratrteli.
Li puoi trovare in Brianza a Casatenovo Vivai Colombo via San Giacomo 24 oltre a visitare una spettacolare serra di piante grasse Li trovarei lapillo pomice zeolite e altro
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8443
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: povere mammillarie

Messaggioda stefano.g » 04/07/2015, 21:38

grazie! ho acquistato "qualche" pianta il mese scorso :-D :up:
stefano.g
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 28/05/2015, 13:51
Località: milano
Coltivo dal: 1996


Torna a Malattie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron