Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Per chi cerca consigli sui problemi legati alle patologie delle nostre piante

Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda Morena » 30/11/2011, 19:22

Inauguro la stagione dei mostri... questo è il primo della serie, ma credo che ve ne sottoporrò altri :D

Ho comprato il turbinicarpus in oggetto ad aprile, era davvero bellino

DSCN8034.JPG


Poco dopo l'ho svasato (era giugno), le radici erano a posto, nel frattempo stava iniziando a sgonfiarsi :?

DSCN9199.JPG


Ho aspettato come sempre qualche giorno prima di reinvasarlo, ma mentre era fuori terra ha continuato paurosamente a restringersi sempre più... pensando fosse un problema idrico, l'ho messo nel nuovo vaso e come da prassi, l'ho annaffiato dopo qualche giorno, aspettando che si rigonfiasse.
Per tutta l'estate non si è ripreso, così l'ho estratto di nuovo poche settimane fa per controllare che le radici non fossero marcite, in effetti erano un po' morbide ma bianche, il colletto duro, senza segni di marciume.
Attualmente è in questo stato :(... tutto raggrinzito ma vivo

DSCN3592.jpg

DSCN3593.jpg

DSCN3594.jpg

DSCN3595.jpg

DSCN3597.jpg


Non so cosa possa essere successo né cosa fare (se non aspettare la bella stagione e guardare gli eventi), secondo voi cosa gli ho fatto di così brutto?
Grazie a tutti in anticipo :)
Avatar utente
Morena
 
Messaggi: 1823
Iscritto il: 22/05/2010, 15:06
Località: Ancona
Coltivo dal: 2004

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda calimera » 30/11/2011, 19:27

Forse ha sentito dire che era una pianta grassa :shock: e si è messa a dieta... guarda che bel vitino di vespa che gli è venuto :D
Morena... provo a scherzarci un pò... spero non ti dispiaccia :oops: non ho proprio idea di cosa possa essergli successo :-( speriamo che a primavera si riprenda :wink:
Avatar utente
calimera
 
Messaggi: 2027
Iscritto il: 23/07/2010, 15:26
Località: genova
Coltivo dal: 2010

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda angelo » 30/11/2011, 22:08

ho l'impressione che la cosa sia grave, il restringimento alla base perlopiù di colore scuro non lascia presagire nulla di buono. quanto è molle in quel punto?
magari svasa e posta una foto dell'apparato radicale?
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda Morena » 30/11/2011, 22:17

Calimera, incrociamo insieme dai :wink:

Angelo, l'ho già svasato per la seconda volta proprio perché ero sospettosa, ma come ho già scritto, le radici erano all'incirca come le vedi in foto, solo un po' morbide, la pianta di per sé non è molle... non me ne va di rinvasarlo ancora sinceramente però mi piacerebbe sapere che errore ho commesso, perché sicuramente lo zampino ce l'ho messo :D
Avatar utente
Morena
 
Messaggi: 1823
Iscritto il: 22/05/2010, 15:06
Località: Ancona
Coltivo dal: 2004

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda angelo » 30/11/2011, 22:20

non fartene una colpa,magari non hai alcuna colpa, il fungo era inglobato e alla innaffiatura si è sviluppato, sempre che di questo si tratti.
In ogni caso, io con i nuovi acquisti ma anche con gli svasi, attendo oltre 1 settimana in estate e 10 gg in inverno per rinvasare e non innaffio prima di 7 gg. Ipotizzando: qualche lesione alla radici?
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda mauro » 30/11/2011, 22:43

ciao, conosco da tanto queste piante e sono senza idee :hmm: ,
doveva essere già bello e morto se fosse stato un marciume, a me ne è marcito uno dalla testa e non è durato più di qualche giorno
se le radici sono comunque buone , può essere che non sia riuscito a legare con la terra, ad attivarsi insomma e mettendolo al sole si sia via via raggrinzito senza reidratarsi,
ormai io lo lascerei a riposo non al freddo, e se è vivo a febbraio farà i fiori
del resto forse era ipernutrito e il trapianto l'ha denutrito vistosamente,
inche terra l'avevi messo tu, ? come dice Lakota i terreni minerali vanno caricati.
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda alleathos » 30/11/2011, 23:09

mauro ha scritto: come dice Lakota i terreni minerali vanno caricati.

in che senso? scusami ma non ho capito...
Avatar utente
alleathos
 
Messaggi: 1326
Iscritto il: 30/07/2010, 16:41
Località: Bologna
Coltivo dal: 2005

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda mauro » 30/11/2011, 23:13

ciao, in alcuni articoli pubblicati qui Lakota sostiene:
che nei rinvasi con lapilli e soci, bisogna alimentare chimicamente più spesso in modo da caricare le pietruzze laviche per permettere loro di rilasciare poi alimenti,
penso anche io che sia il motivo principale per cui io ho molti ritardi nei rinvasi nella ricrescita :D
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda alleathos » 30/11/2011, 23:23

Grazie Mauro del chiarimento... chissà che questa spiegazione valga anche per me visto che dopo i rinvasi la ripartenza è in alcune tipologie di piante solitamente calma-calma... e non usando prodotti e integratori chimici... :hmm:
però poi le piante stanno bene e lascio tutto così... :)
Avatar utente
alleathos
 
Messaggi: 1326
Iscritto il: 30/07/2010, 16:41
Località: Bologna
Coltivo dal: 2005

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda maristella » 01/12/2011, 0:47

Io avevo una lobivietta che mi ha fatto lo stesso scherzo.........poi pian piano si è ripresa alla grande! Quoto Mauro, era molto pompato ed ha risentito della nuova dieta, e probabilmente anche del diverso microclima..................cattiva, lo tieni a pane ed acqua eh!!! :furious: :furious:
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda gustav » 01/12/2011, 22:35

Ciao. Ad occhio non mi sembra un problema nutrizionale dovuto al rinvaso, anche in considerazione del fatto che l'avvizzimento ha iniziato a manifestarsi quando la pianta era fuori vaso in attesa di una nuova dimora. E' vero che a volte il rinvaso può creare traumi da adattamento legati all'assorbimento dei nutrienti minerali, ma questo non mi sembra proprio il caso. Normalemente le piante stentano a crescere, ma difficilmente collassano. Molto tempo fa mi è capitata una cosa simile con la stessa specie che ha subito l'attacco parziale da parte di un fungo con conseguente perdita di buona parte del parenchima basale. La pianta è collassata tipo una fisarmonica e ha assunto l'aspetto della torre di Pisa pur rimanendo turgida nelle porzioni apicali e mediane. In altri termini è riuscita a controllare la proliferazione del fungo ed è rimasta in vita per quattro o cinque anni, per poi lasciarmi in seguito ad un marciume radicale causato da un altro fungo. :-(
Al di là dell'aspetto, la tua pianta è turgida al tatto? La mia lo era.
gustav
 
Messaggi: 717
Iscritto il: 09/05/2011, 13:55
Località: Lodi
Coltivo dal: 1990

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda _keeper_ » 01/12/2011, 22:48

Una volta mi è capitata una cosa simile con un gymno, in pratica si stava disidratando. Così svasato ho notato che non vi era alcun problema radicale, però la pianta non andava. In piena estate ho provato ad innaffiare la pianta un giorno si ed uno no. Si è ripresa. Ora non so se potrebbe essere anche il tuo caso ma se è turgida e le radici sono buone, devi solo aspettare e vedere come reagirà nella prossima stagione.
_keeper_
 
Messaggi: 22
Iscritto il: 28/09/2010, 15:37
Località: Giovinazzo
Coltivo dal: 2005

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda Morena » 01/12/2011, 22:50

Allora, vi ho letto con attenzione e vi ringrazio degli interventi :)

Angelo, normalmente uso anch'io quella procedura per il rinvaso, i tempi sono quelli;

Mauro, marciume non è, l'ho rinvasato giustappunto poche settimane fa per la seconda volta proprio per controllare colletto e radici, quest'ultime le ho trovate un po' morbide ma non molli né marce; penso anch'io che fosse ipernutrito, forse non ha neanche legato con la terra, ma si è sgonfiato quando era fuori terra in attesa del rinvaso; la cosa dei terreni minerali da caricare non la sapevo, grazie :oops: e comunque anch'io concimo pochissimo, ahimè;

Maristella, dai, non sono cattiva... ma per far riprendere la tua lobivia hai somministrato tarallucci e vino? :lol: :lol:

Gustav, sì, mi pare che hai capito la situazione e purtroppo leggo che è capitato anche a te... la pianta è turgida, ovviamente un po' morbida per via della sospensione delle annaffiature da ormai diverse settimane... la terrò sotto controllo, soprattutto alla luce di ciò che mi dici :wink:

Se a primavera ci saranno cambiamenti, sarete i primi a saperlo :)

PS: leggo solo ora... grazie anche a te Keeper! Anch'io ho un gymno denudatum che non vuole saperne di rigonfiarsi, ha su anche un frutto... mah, sarò troppo tirchia con l'acqua :D
Avatar utente
Morena
 
Messaggi: 1823
Iscritto il: 22/05/2010, 15:06
Località: Ancona
Coltivo dal: 2004

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda maristella » 02/12/2011, 0:20

Morena ha scritto: Maristella, dai, non sono cattiva... ma per far riprendere la tua lobivia hai somministrato tarallucci e vino? :lol: :lol:

io in genere non somministro proprio niente........coi tarallucci e vino veniva difficile....immergere i tarallucci nel vino, farne una poltiglia, filtrarla e somministrarla..............naaaaaaaaa

Ribadisco che le mie piante le tiro su per istinto...per istinto quando cominciano a piegarsi da un solo lato so che la cosa è grave, quando, come in questo caso avvizziscono, hanno sicuramente uno shock, ma non mi è mai capitato che fosse qualche patologia fungina....a me 10 su 10, con pazienza e qualche innaffiatura in più quando possibile, si son riprese..................... :hmm: :hmm: però non ho provato con le patatine fritte........chissà se gradiscono e guariscono prima :hmm: :hmm:
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda Morena » 02/12/2011, 11:30

Eh, cara Mari, anch'io ho una coltivazione molto empirica e poco scientifica :oops: per questo ogni tanto chiedo a chi ne capisce di più :wink:
Avatar utente
Morena
 
Messaggi: 1823
Iscritto il: 22/05/2010, 15:06
Località: Ancona
Coltivo dal: 2004

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda maristella » 02/12/2011, 15:41

Morena ha scritto:Eh, cara Mari, anch'io ho una coltivazione molto empirica e poco scientifica :oops: per questo ogni tanto chiedo a chi ne capisce di più :wink:


Vero, faccio così anche io....però spesso mi viene in mente quello che mi diceva sempre la mia mamma........................." un medico in coppia con un somaro (io) ne sa sempre di più che un medico da solo" :lol: :lol: :lol:
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda mauro » 02/12/2011, 23:19

ciao ho letto tutto con interesse, :) ,
in questi casi incompresi anche io rimango a guardare, del resto continuare a svasare li dsturba
ho avuto anche altre piante che nei rinvasi non hanno risposto anche per più di un anno, e nel secondo si reidratavano meglio, mentre altre son via via ....
faccio un Ot, qualcuno ha parlato di gimnocalicium...ebbene , per alcune specie Meregalli consigliava alcune annaffiature invernali per combattere la disidratazione o la perdita di radici per siccità, ad esempio in Horstii, ...magari il denudatum potrebbe rientrare in questa possibilità :hmm:
ho provato alcuni anni a farlo col mio, che perdeva le fioritura ed aveva difficoltà a reidratare ...ed ha funzionato, tanto che sono due anni che resiste meglio al secco e non l'ho più fatto, quindi come aiuto è servito, anche per la fioritura.

tornando al turbinicarpus, io lo lascerei a riposo e in primavera cercherei di vedere se beve di più con cautela
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda Morena » 03/12/2011, 15:13

Anch'io ti leggo con molto interesse Mauro, quello che dici non è mai insensato, grazie :wink:
Avatar utente
Morena
 
Messaggi: 1823
Iscritto il: 22/05/2010, 15:06
Località: Ancona
Coltivo dal: 2004

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda maristella » 03/12/2011, 22:14

mauro ha scritto:ciao ho letto tutto con interesse, :) ,
in questi casi incompresi anche io rimango a guardare, ...................
tornando al turbinicarpus, io lo lascerei a riposo e in primavera cercherei di vedere se beve di più con cautela


Mauro, ma allora la pensi come me!!! :P " con pazienza e qualche innaffiatura in più, quando possibile"........ Mi rinfranca molto questa cosa, perchè non sono una specialista, ma vuol dire che l'empirismo a volte funziona, e se è suffragato da chi, come te ha grande esperienza, diventa puro insegnamento!
Negli anni ho letto molto, e molto ho chiesto aiuto, e molto ho ascoltato cercando di far tesoro.
Purtroppo spesso le conoscenze non aiutano ad impedire decessi, ma il confronto e l'opinione di chi ama le cicce, a prescindere che l'opinione venga da uno specialista o da un emerito nessuno ,spesso sono di supporto per crescere le nostre amate piante, pensando che almeno abbiamo fatto il possibile per aiutarle, poi a volte va bene ed altre inspiegabilemente no!! Ma comunque mi viene da dire grazie!!! :) :)
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda angelo » 04/12/2011, 17:17

i rinvasi a volte , per differenza di grosse variazioni di ph del terreno,causano improvvisi blocchi vegetativi in quanto la pianta deve adattarsi a nuove condizioni ma come già detto da altri non vedo questi segnali oltretutto se dovesse essere stato un problema di idratazione, "l'afflosciamento" doveva iniziare dall'apice e man mano ripercuotersi nel fusto sottostante. In questo caso il danno maggiore è solo su un lato della base.
Oppure come dice Gustav, la pianta ha bloccato il fungo o il riposo invernale ha momentaneamente messo in stasi tutto.
In entrambi i casi la ripresa vegetativa ci dirà di più.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Problema Turbinicarpus pseudopectinatus

Messaggioda mauro » 04/12/2011, 23:12

ciao da questo punto di vista posso dire che ho avuto piante scottate più o meno seriamente da un lato, per diversi motivi...che hanno prodotto flessioni di un lato , mai più recuperate se non con l'età
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano


Torna a Malattie

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron