Riconoscimento malattie...

Per chi cerca consigli sui problemi legati alle patologie delle nostre piante

Riconoscimento malattie...

Messaggioda Lucifero » 08/06/2013, 20:41

Ciao a tutti, potete aiutarmi a indentificare eventuali malattie o insetti nelle mie piante grasse?!? E in relazione quali trattamenti adottare?!?

Io le metto a riposo in inverno e le tiro fuori in primavera, però non ho mai fatto trattamenti preventivi, abito al nord.

Sono abbastanza inesperto..

Se mi sapete dire anche i nomi vi ringrazio..

1.jpg
1


2.jpg


Ha preso questo colorito strano e sembra che si sta mangiando piano piano O.o

La seconda

3.jpg


La terza
4.jpg


5.jpg


Alla base ha questa parte mangiata bianca.


Grazie mille per l'aiuto e disponibilità.
Avatar utente
Lucifero
 
Messaggi: 430
Iscritto il: 08/06/2013, 20:21
Località: Torino
Coltivo dal: 2008

Re: Riconoscimento malattie...

Messaggioda kigi » 09/06/2013, 15:53

Ciao Lucifero :)
Perché non ti presenti nella sezione benvenuto? Ti farai conoscere e diventerai parte della comunità a tutti gli effetti :D
Non sono bravo nel riconoscere le malattie, ma per la seconda e la terza pianta, sono semplici cicatrici dovute a malattie o problemi anche di parecchi anni fa :roll: le piante sono esseri viventi, e in qualche caso (la maggior parte) hanno anche loro i propri "acciacchi" fisiologici... quindi non resta che accettarli e godere del loro attuale benessere :twisted:
Riguardo l'Astrophytum, quello si che è un problema, ma non so proprio come aiutarti :wink:
Avatar utente
kigi
 
Messaggi: 291
Iscritto il: 26/04/2012, 14:57
Località: Ascoli Piceno
Coltivo dal: 2007

Re: Riconoscimento malattie...

Messaggioda Lucifero » 09/06/2013, 20:07

Grazie mille, appena riesco mi presento :)

Eh si, si sta afflosciando piano piano :(
Avatar utente
Lucifero
 
Messaggi: 430
Iscritto il: 08/06/2013, 20:21
Località: Torino
Coltivo dal: 2008

Re: Riconoscimento malattie...

Messaggioda maristella » 09/06/2013, 22:45

Ciao, vedo ora e concordo con Kigi.....l'astro :hmm: ....sembra che quelle macchie non siano giovani, nel senso che l'apice è sgombro, ma non riesci a fare una macro?? :hmm: Voglio dire, sembra che ci siano state e poi la pianta abbia rivegetato...dimmi un pò tu! Poi che significa si sta afflosciando? è morbido al tatto? raggrinzisce? L'hai svasato? Svasalo e controlla le radici..........come lo bagni? Perchè gli astrophytum sono soggetti a macchie causate dall'umidità, che comunque, pur intaccando esteticamente la pianta, non la portano a marcire.Lo tieni in un posto comunque arieggiato? Facci sapere! Puoi inserire foto sino a 1024x768pixel circa, poi se ci clicchi su una volta postate si ingrandiscono.Aspettiamo tue! :)
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Riconoscimento malattie...

Messaggioda marco » 10/06/2013, 11:00

Ciao Lucifero
Cerchiamo di andare per gradi :)
Per quanto rigurada le foto è meglio vedere le piante tramite foto un po piu grandi, questo aiuta chi ti deve consigliare.
Pe questo puoi consultare l'apposita sezione FAQ, Guide e Tutorial dove si trova l'argomento:
come ridimensionare e inserire le immagini
Ora torniamo all'argomento del topic
Per quanto riguarda l'Astrophytum, se non sbaglio "Onzuka" controlla che sia ben turgido ma credo siano vecchie macchie dovute ad acqua che è risalita tramite i tricomi (i batufoli bianchi che la ricoprono)particolarmente fitti della pianta e si è portata il colore del lapillo che ha intriso i "batufoli" oppure un vecchio attacco di qualche fungo ma propendo per la prima valutazione.
Per quanto riguarda la seconda Pachyphytum oviferum, non credo abbia particolari problemi tranne quella piccola ciccatrice forse dovuta alla puntura di una cimice, mentre la colorazione rossiccia è dovuta alla esposizione solare.
La terza, credo un'Espostoa lanata è stata assaggiada da qualche insetto, probabilmente una cavalletta.
A scopo preventivo, dai una bagnata all'astrophytum, ma anche le altre, (male non gli fa) con un fungicida sistemico contenente Propamocarb e Fosetyl, uno buono è il Previcur Energy, costa un po ma è facile trovarlo.
Un paio di volte l'anno, o all'occorrenza è meglio irrorare le piante con fungicida e insetticida.
Almeno quando si ritirano per l'invero e quando comincia la bella stagione
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8451
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Riconoscimento malattie...

Messaggioda Lucifero » 10/06/2013, 18:30

Ok cercherò di rispondere in maniera esaustiva.

Tipo di terreno che uso per le grasse: 60-70 % organico.

Innaffiatura: uso il metodo delle due bacinelle. Metto l'acqua in una, immergo il vasetto finchè il composto non è completamente bagnato senza bagnare la pianta. Questo perchè da quello che ho capito bisogna bagnarle poco, ma quando si bagnano, devono ricevere molta acqua e in questo modo si bagnano tutte le radici e non solo una parte.

Bagno in questo periodo ogni 15 giorni.

Esposizione: il mio balcone prendere il sole dalle 2 a fine giornata.

Abito al nord e di inverno le lascio a secco e le metto in cantina!

Ho a disposizione il previcur energy e il confidor ma non l'ho ancora mai usati, visto che volevo darne un po di previcur alle poche piantine che ho, sapete consigliarmi la dose giusta?

Ed infine ecco le foto della pianta.
1.jpg

altra.jpg

radici.jpg


Le radici e tutto sommato la pianta mi sembrano ok.

Di solito quando rinvaso una pianta, la lascio senza terra qualche giorno per cicatrizzare le radici, poi la rimetto in terra e aspetto un po ad innaffiarla.
In questo caso seguo la solita routine e poi do il previcur nelle dosi in cui mi consigliate?

Grazie ancora :D
Avatar utente
Lucifero
 
Messaggi: 430
Iscritto il: 08/06/2013, 20:21
Località: Torino
Coltivo dal: 2008

Re: Riconoscimento malattie...

Messaggioda maristella » 10/06/2013, 18:53

Bravo!! :wink:
Allora per ordine:

* composta: usi molto organico, che di per se non fa male, ma aumenta la possibilità che la pianta presenti patologie (funghi, marciumi etc.) la composta base per le grasse è 1:1:1, ossia due terzi di minerali( pomice, lapillo, zeolite......poi dipende un pò dalle abitudini e tanto fa l'esperienza)e un terzo di terriccio organico. Quindi molto drenante. Se perdi un pò di tempo a leggere in giro (es. COLTIVAZIONE IN PILLOLE) ti accorgerai di fatto come ognuno di noi piano piano abbia una propria tecnica, questo anche in relazione alle grosse variabili che incidono, microclima, posizione geografica, esposizione, durezza dell'acqua,........e così via! Dunque io inizierei con la composta base e poi "guarda" le tue piante, comincia a conoscerle ed a capire di cosa hanno bisogno, vedrai che anche tu, col tempo, e qualche cadavere :lol: , adotterai il tuo metodo di coltivazione!
* acqua: bene ad immersione come fai, e vero, quando si bagnano si bagnano bene! La storia dei 15 giorni è valida, ma nelle estati calde a volte passa meno tempo fra una innaffiatura e l'altra, ma anche qui il punto è se si abita in zone umide o secche, arieggiate o afose........ :roll: dunque il criterio è si bagna quando la composta è tutta ben asciutta!
dimora; ok anche questo, e ok che siano perfettamente asciutte...........io che sono mediterronea del profondo sud bagno anche fino alla prima settimana di Dicembre (mia sorella però che abita a 500 mt da me si ferma molto prima) perchè l'inverno da noi arriva tardi, in compenso si sposta avanti la primavera.......
+ svaso: bene anche questo, si svasa, si puliscono delicatamente le radici e si lasciano in luogo fresco e ventilato anche per 15gg se è primavera, i miei nuovi acquisti d'estate di solito attendono una settimana, poi rinvaso e altri 7/10gg senza acqua.........dunque le linee fondamentali le hai!! :clap2:
Se l'astro non è molle,(nel tuo ultimo parlavi di afflosciamento??) propendo per quello che suggeriva Marco, visto anche che le radici sembrano ok. Peraltro gli Astrophytum soffrono molto l'umidità e si macchiano facilmente. Gli Astrophytum con tricomi (c'è la variabile nudum tutta verde) poi non bisognerebbe mai bagnarli dall'alto,per la stessa ragione!
Buona coltivazione!! :) :)
Per le "medicine" aspettiamo Marco.........il guru!!
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina
Avatar utente
maristella
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5272
Iscritto il: 23/07/2010, 21:25
Località: Policoro (MT)
Coltivo dal: 2006

Re: Riconoscimento malattie...

Messaggioda angelo » 10/06/2013, 19:14

quelle macchie credo siano da additare all'acqua da innaffiatura.Gli Astrophytum ne patiscono un po'.Cio' succede anche per imbibimento se il colletto e cmq le "scaglie" bianche toccano il substrato. Dovresti evitare di bagnare la pianta.
Al substrato consigliato toglierei ancora un 10% di contro aumentando la parte minerale.Non esiste una regola fissa per l'intervallo di innaffiatura.L'esposizione, il terriccio, il vaso e la pianta sono delle variabili imprevedibili per cui come ti han suggerito, "guarda" la pianta: sarà lei a dirti di cosa ha bisogno.Gli astro sono particolarmente soggetti ai marciumi, specialmente quando non in piena vegetazione.Nell'ultima foto si evince l'iperdritazione.
Fitofarmaci? Da usare solo quando servono.
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9911
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005


Torna a Malattie

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron