Salvataggio e riproduzione

Condividi qui le tue esperienze di propagazione quali semina, talee, etc

Salvataggio e riproduzione

Messaggioda marco » 25/03/2015, 20:04

Molte volte ci troviamo ad avere vecchie piante suberificate alla base oppure che si stanno seccando o abbruttendo per cause non bene identificate.
Ecco allora che bisogna prendere il coraggio di togliere la parte buona e farla radicare o innestarla, per salvarla e ripartire con una pianta rinnovata.
La parte della pianta che resta sulle sue radici originali non necessariamente va gettata anzi!!!! da li si può tentare di ripartire per un'ulteriore rinnovamento.
Se la parte colpita non è eccessivamente rovinata o secca può essere che emetta nuovi polloni nella zona del taglio, permettendoci quindi di avere, oltre la parte superiore che si rinnova radicando, anche gli eventuali polloni emessi dalla parte vecchia rimasta nel vaso su sue radici, che una volta cresciuti potremo staccare e fare radicare a loro volta.

Ecco come procedere per tentare il rinnovamento di una vecchia pianta malmessa.

Innanzi tutto bisogna avere il coraggio di procedere al taglio della parte sana.
Si taglia un po sopra la zona malmenssa in modo da avere un taglio sulla parte sana e viva, dopodichè se si decide di inestare la parte tagliata va subito preparato l'innesto, mentre se si decide di fare radicare la parte tagliata si spennella la parte da fare radicare con un buon fungicida miscelato con un ormone radicante per talee erbacee, il tutto disciolto con alcool denaturato (meglio evitare l'uso dell'acqua per ovvi motivi) mentre la parte che dovrebbe restante nel vaso quella che dovrebbe in teoria emettere i polloni va spennellata con il solo fungicida, sempre reso in pasta tramite alcool denaturato
Entrambe le operazioni vanno compiute appena effettuao il taglio per non permettere l'inquinamento delle parti tagliate dovuto a spore circolanti in atmosfera.
La parte da fare radicare si porrà quindi ad asciugare e quando saremo sicuri che il taglio sarà perfettamente asciutto si potrà appoggiare su un letto di pomice o akadama in modo che radichi e possa riprendere le sue funzioni.
La parte che resterà nel vaso probabilmente col tempo emettrà polloni che a loro volta potranno essere staccati e messi a radicare
Ecco un'esempio del lavoro fatto su un turbinicarpus e i risultati ottenuti

Mentre questo è il lavoro fatto a Luglio 2014 su una vecchia Mammillaria pseudoperbella

021Mammillaria_pseudoperbella_©M.S.2015 (Large).JPG
La parte inferiore debilitata e suberificata comunque viva
spero che emetta polloni
022Mammillaria_pseudoperbella_©M.S.2015 (Large).JPG
il pezzo superiore posto a radicare ha gia emesso le radici
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8413
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda nettuno » 25/03/2015, 20:32

ottima spiegazione Marco :mrgreen:
Quando ti pungi un dito non imprecare ! è la pianta che ti mostra affetto !"Nettuno"
Avatar utente
nettuno
Moderatore Globale
 
Messaggi: 2244
Iscritto il: 08/11/2010, 23:26
Località: Monzuno 700 s.l.m. (BO)
Coltivo dal: 2007

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda marco » 25/03/2015, 21:31

Grazie Claudio :)
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8413
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda mauro » 25/03/2015, 21:52

Questa è una domanda che trovo spesso..e anche per me è utile...grazie..serve anche per prendere coraggio
http://s9.photobucket.com/albums/a55/ma ... %20agosto/
Non compero piante prelevate in NATURA
Avatar utente
mauro
Moderatore Globale
 
Messaggi: 5094
Iscritto il: 15/04/2010, 18:50
Località: Legnano

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda marco » 26/03/2015, 9:22

Mauro bisogna prendere in considerazione il fatto che se non si interviene per tempo la pianta è persa nella sua totalità e quasi sicuramente è solo questione di tempo.
Te lo ricordi quando ho cominciato a staccare polloni dal ritteri per innestarli ? e dopo qualche anno dovevo reinnestare l'intera pianta? ma il fatto di avere indugiato per timore di fare errori ha causato la perdita della stessa, per fortuna ho potuto innestare qualche pollone e ora ho la certezza di ripartire con quella bella forma accestente di Aztekium ritteri.
Stesso trattamento della Mammillarua l'ho riservato l'anno scorso ad una Eriosyce clavata che si stava restringendo eccessivamente nel primo pezzo della pianta, ora la testa sta radicando e la parte bassa spero polloni.
Quando si hanno queste situazioni è meglio intervenire per tempo. :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8413
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda angelo » 28/03/2015, 13:17

Ottimo lavoro Marco. A volte meglio prendere decisioni forti come queste anzichè lasciare che il tempo faccia il suo decorso,spesso impietoso.In questo modo si hanno più possibilità di avere più cloni di una pianta a cui teniamo particolarmente :)
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9890
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda marco » 28/03/2015, 19:29

Ehh si Angelo molti sono indecisi, tendono a non fare niente per paura di peggiorare la situazione ma bisogna capire che se non si interviene per tempo può essere che la totalità della pianta sia perduta.
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8413
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda ananxx » 29/03/2015, 0:08

Ciao a tutti....
manco da parecchio non solo in questo forum ma proprio da internet....
molti cambiamenti nella mia vita.
...comunque il primo messaggio che leggo mi colpisce
Informazioni interessanti
ma se la pianta è sana dubito di aver il coraggio di tagliare.
Avatar utente
ananxx
 
Messaggi: 957
Iscritto il: 26/04/2010, 2:06
Località: Treviso
Coltivo dal: 1900

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda marco » 29/03/2015, 10:04

Antonio solitamente questo si fa su piante con qualche problema alla base ma per necessità si può anche fare su piante sane
ovviamente noi piccoli coltivatori ci pensiamo mille volte prima di tagliare una pianta per riprodurla ma si può anche fare :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8413
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda marco » 29/03/2015, 19:37

Ecco altri esempi di rinnovamento di piante malmesse.
Questa Eriosyce subglobosa presentava brutte macchie sulla base l'anno scorso a Luglio dopo aver tagliato la Mammillaria pseudoperbella ho proceduto anche al taglio della Eriosyce e a quasi un'anno di distanza la situazione è questa la base è viva e la parte superiore ha radicato.

004Eriiosyce_subglobosa_ssp._clavata_©M.S.2015 (Large).JPG
Eriosyce subglobosa
005Eriiosyce_subglobosa_ssp._clavata_©M.S.2015 (Large).JPG


Anche questa Acharagma aguirreana era malmessa la base secca mentre la parte superiore era recuperabile, quindi nello stesso periodo ho proceduto al taglio della parte sana
ora ha radicato e sta fiorendo a menodi 9 mesi dal taglio
002Acharagma_aguirreana_©M.S.2015 (Large).JPG
Acharagma aguirreana


Oggi visto che la pianta sembrava ormai da buttare l'ho svasata per gettarla nel sacco dell'umido
001Acharagma_aguirreana_©M.S.2015 (Large).JPG


Ma appena svasata mi sono accorto che le radici erano perfettamente sane e appena girata la pianta ormai svasata
ecco un gradita sorpresa

003Acharagma_aguirreana_©M.S.2015 (Large).JPG


C'è ancora vita tra quelle spine :D
Mai darsi per vinti la natura ci riserva sempre gradite sorprese :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8413
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda angelo » 29/03/2015, 20:05

come dire : mai arrendersi alle evidenze :)
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Angelo
le mie piante
Ille nihil dubitat qui nullam scientiam habet
Avatar utente
angelo
Moderatore Globale
 
Messaggi: 9890
Iscritto il: 06/04/2010, 16:59
Coltivo dal: 2005

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda marco » 29/03/2015, 20:38

Angelo pensa che l'ho svasata questo pomeriggio per buttarla ma la consistenza legnosa delle radici mi ha insospetito, si capiva al tatto che le radici erano ancora buone e che la panta poteva ancora riservare sorprese, infatti ecco la sorpresa :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8413
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda PolliGino » 29/03/2015, 22:39

Scusa Marco, è un polloncino o qualche seme che è germogliato tra le radici?
E' meglio una spina sincera che una falsa carezza.
Giovanni

http://www.flickr.com/photos/polligino/
Avatar utente
PolliGino
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 28/09/2010, 17:08
Località: Cassina de 'Pecchi (Milano)
Coltivo dal: 2008

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda marco » 30/03/2015, 8:06

E' un pollone la pianta è ancora attiva nonostante il disastro della parte aerea e da li ripartirà per rinnovarsi mentre la testa sta già fiorendo :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8413
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda paolotrp » 30/03/2015, 22:52

bel lavoro Marco, non te l'aspettavi neanche te che a distanza di meno di un'anno ti fiorisse la pianta , fra qualche mese ne ho anch'io un paio da mozzare ma x altri motivi
paolo
Avatar utente
paolotrp
 
Messaggi: 1747
Iscritto il: 02/05/2010, 0:34
Località: quinzano d'oglio (BS)
Coltivo dal: 1999

Re: Salvataggio e riproduzione

Messaggioda marco » 31/03/2015, 8:34

No Paolo non me lo aspettavo, di solito non fioriscono subito se sono state private delle radici, ma si vede che questa pianta è particolarmente robusta :D
Marco :twisted:
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Sostieni il progetto Cactipedia, fai una donazione usando il modulo PayPal che trovi in fondo ad ogni pagina.
Avatar utente
marco
Moderatore Globale
 
Messaggi: 8413
Iscritto il: 04/04/2010, 18:58
Località: Castellanza (VA)
Coltivo dal: 1985


Torna a Riproduzione

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite